Ucraina, il ministro Guido Crosetto: “Le armi italiane non colpiranno il territorio russo”

Secondo il ministro alla Difesa Guido Crosetto in Italia c’è troppa superficialità su “questioni serie” come la fornitura di armi all’Ucraina.

Armi che in ogni caso, non colpiranno il territorio russo. Crosetto ha puntualizzato la linea del suo dicastero in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, a seguito della richiesta da parte dei leader di Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, e Lega, Matteo Salvini, di chiarimenti sugli aiuti forniti a Kiev.

Il ministro alla Difesa Guido Crosetto: "In Italia c’è troppa superficialità su questioni serie”
Guido Crosetto: “In Italia c’è troppa superficialità” (Ansa Foto) – www.inews24.it

Guido Crosetto ha specificato che le notizie circa le forniture di armamenti sono coperte da segreto ma che il Copasir è costantemente e correttamente informato di tutto. Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, presieduto da Lorenzo Guerini (Partito Democratico) mantiene lo stesso riserbo, ma al suo interno ci sono comunque rappresentati di M5s e Lega. “Il Copasir è informato – ha spiegato Crosetto – lì il ministro della Difesa risponde ad ogni domanda gli venga posta. Conte ha i suoi, Salvini nel Comitato ha Claudio Borghi. Tutti sanno tutto, ma se non lo dicono i membri del Copasir, e giustamente perché sarebbe reato, dovrei farlo io?”.

Sul fronte della diplomazia internazionale, intanto, ci sarebbero passi in avanti verso la fine del conflitto. Il 15 ed il 16 giugno in Svizzera si terrà la Conferenza di Pace alla quale parteciperanno anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ed il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani. “L’Ucraina avrà forse presto il suo D-Day. – ha detto Zelensky in riferimento alla Conferenza svizzera – Ci potremmo avvicinare alla fine della guerra”. Oggi il presidente ha parlato al Parlamento francese. Sempre a Parigi oggi stesso Volodmyr Zelensky potrebbe incontrare il presidente americano Joe Biden.

La notte scorsa le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico contro l’Ucraina

Gli Stati Uniti attualmente sono di gran lunga il principale fornitore di armi per Kiev che sta cercando di respingere un’intensa offensiva russa nelle aree orientali del Paese. L’11 giugno, inoltre, Zelensky dovrebbe recarsi a Berlino dove sarebbe previsto un suo intervento al Bundestag.

La notte scorsa le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico
Attacco missilistico contro l’Ucraina nelle regioni di Ternopil, Khmelnytskyi e Lviv (Ansa Foto) – www.inews24.it

La notte scorsa, intanto, le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico contro l’Ucraina. L’allerta è scattata nelle regioni di Ternopil, Khmelnytskyi e Lviv, nonché nella regione della capitale Kiev. Le forze di difesa ucraine hanno comunque abbattuto cinque missili da crociera e quarantotto droni d’attacco. Bombe russe sono cadute su Nikopol, ferendo due donne. Sono state danneggiate 15 case, un garage, due annessi, due fabbricati agricoli e diverse automobili. Anche le linee elettriche sono state colpite.

Impostazioni privacy