Ragazzi dispersi nel fiume Natisone: intercettato il segnale di un cellulare

I soccorritori hanno intercettato il segnale del cellulare di uno dei tre ragazzi dispersi ieri nel fiume Natisone, nei pressi del ponte Romano, a Premiaracco.

Le ricerche sono riprese questa mattina con gli elicotteri e i droni della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia. Vanno avanti da venerdì 31 maggio, quando nel primo pomeriggio è arrivata una telefonata al numero di soccorso. Il fiume si era ingrossato a causa delle forti piogge della notte e della mattina.

Ancora dispersi i ragazzi nel fiume Natisone: intercettato il segnale di un cellulare
Ancora dispersi i ragazzi nel fiume Natisone: intercettato il segnale di un cellulare (Ansa Foto) – inews24.it

In questo momento nella zona sono radunati i familiari in attesa di notizie da parte dei soccorritori. Le ricerche si stanno concentrando principalmente a valle del punto dov’è stato trovato il segnale del cellulare.

A lanciare l’allarme è stato un l’autista di uno scuolabus. Molte persone si sono fermate nei pressi del Ponte Romano, a Premariacco, in provincia di Udine e hanno assistito inermi alla scena in cui i tre venivano trascinati via dalla corrente mentre tentavano invano di agganciare la fune protesa dai vigili del fuoco, mancando la presa. L’arrivo dei vigili del fuoco è stato tempestivo, ma la situazione era già compromessa.

Chi sono i tre ragazzi dispersi nel fiume Natisone

I dispersi sono un ragazzo e due ragazze tra i 17 e i 25 anni di origine romena. Una ha vent’anni, si chiama Patrizia Cormos ed residente a Campoformido, in provincia di Udine, l’altra ha ventitre anni, è arrivata in Italia tre giorni fa dalla Romania per far visita ai genitori e si chiama Bianca Doros. L’ultimo ha 25 anni e guidava l’auto, una Bmw con targa della Romania, che è stata trovata parcheggiata a Premariacco.

Nessuno di loro sospettava di essere in pericolo e mentre l’acqua saliva progressivamente, si sono stretti in un abbraccio nel tentativo di difendersi dalla violenza dell’acqua. La situazione è precipitata in pochi minuti. Il gruppo aveva raggiunto a piedi un isolotto di ghiaia al centro del fiume, dove hanno trascorso gli ultimi momenti prima dell’incidente.

Chi sono i tre ragazzi dispersi nel fiume Natisone
Fiume Natisone: proseguono le ricerche dei tre ragazzi dispersi (Ansa Foto) – inews24.it

Giunti sul posto, i vigili del fuoco hanno posizionato un’autogru dall’alto del ponte, a circa dieci metri di altezza. Da essa hanno allungato una scala e alcuni pompieri hanno lanciato funi ai ragazzi, ma nessuno di loro è riuscito ad aggrapparsi. Alle ricerche hanno partecipato un elicottero dei vigili del fuoco con i sub e l’elisoccorso del 118.

Nella zona in cui sono stati travolti c’è un divieto di balneazione per pericolo di annegamento e i cartelli sono affissi in tutta la zona. I rischi principali riguardano le piene improvvise e un tratto successivo al ponte Romano, dove la velocità del fiume aumenta improvvisamente. Al momento dell’incidente era in corso un’allerta meteo gialla in tutto il Friuli Venezia Giulia.

Il video delle ricerche

Impostazioni privacy