Alzate gli occhi al cielo! Tutti i pianeti visibili a giugno

Alzate gli occhi! Tra pochi giorni il cielo mattutino di giugno regalerà spettacoli da favola. 

L’Unione Astrofili Italiani ha rilevato che il cielo di giugno sarà attraversato da un vero e proprio corteo di pianeti che appariranno in successione fin dalle prime luci dell’alba.

Tutti i pianeti e le stelle visibili a giugno
Tutti i pianeti e le stelle visibili a giugno (Ansa Foto) – inews24.it

Purtroppo non sarà semplice ammirarli proprio tutti. Il primo a sorgere sarà Saturno, che si potrà osservare facilmente anche a occhio nudo a Sud-Est, nella costellazione dell’Acquario. Sorgerà intorno all’una del mattino e si potrà guardare a partire dalla notte. Dopodiché sfilerà Nettuno, che però si potrà ammirare solo con un telescopio.

I più bassi sull’orizzonte, dunque difficilmente individuabili, saranno Marte, Urano e Giove. Quest’ultimo sarà difficilmente distinguibile dal Sole che sta per sorgere, Mercurio si potrà vedere solo alla fine del mese poiché, come si legge su astronomia.com, sarà confuso fra le luci del crepuscolo.

Dalla sfilata dei pianeti resterà escluso Venere, anche lui in congiunzione con il Sole, che potremo ammirare solo a luglio con la luce del tramonto. Il 3 giugno, insieme a Marte, arriverà la falce di Luna calante.

Il cielo notturno di giugno

Il 20 giugno cade il solstizio d’estate, che quest’anno è previsto precisamente alle 22.51 ora italiana. Sarà il giorno più lungo dell’anno e durerà 15 ore e 15 minuti. In occasione di questo giorno, l’Unione Astrofili Italiani ha in programma l’iniziativa Wlcome Summer! Sun Day, che è un invito rivolto a tutti ad organizzare eventi e attività in tutta Italia sul tema del Sole e delle stagioni.

E mentre il cielo di giugno regalerà spettacoli irripetibili, quello notturno sarà caratterizzato dalle costellazioni estive, note per essere più basse all’orizzonte: come toccare il cielo con un dito!

A Sud-Est sarà visibile lo Scorpione e sopra di esso, l’Ofiuco, che affascina da sempre astronomi e astrofili per il suo ruolo di tredicesima costellazione zodiacale. Più alte nel cielo ci saranno le stelle più brillanti: Arturo, nella costellazione del Bootes e Vefa, nella Lira. A fine mese invece, appariranno le Bootidi, una corrente irregolare che in passato si è resa protagonista di apparizioni inattese.

Fino al 21 giugno, il Sole si troverà nella costellazione del Toro, poi passerà a quella dei Gemelli.

Impostazioni privacy