Governo-benzinai, lo sciopero è congelato: martedì 17 il primo tavolo tecnico

"Per quello che riguarda le organizzazioni dei benzinai, le polemiche finiscono qui. Ora è il momento di lavorare seriamente per restituire efficienza e piena legalità alla rete", dichiarano i sindacati.

Sciopero benzinai - Foto di Ansa Foto
Sciopero benzinai – Foto di Ansa Foto

Lo sciopero dei benzinai del 25 e 26 gennaio è stato congelato dopo l’incontro a Palazzo Chigi tra le rappresentanze sindacali e il governo, convocato dalla premier Giorgia Meloni ieri.

Il gelo tra le parti è scaturito dalle ultime decisioni del governo, che aveva portato Faib, Fegica e Figisc/Anisa a voler porre fine a una “ondata di fango” per le accuse di “speculazione” lanciate alla categoria da ministri del governo.

Governo-benzinai: tavolo tecnico martedì 17

Oltre a chiarimenti da questo punto di vista, è stato convocato un tavolo tecnico martedì 17 gennaio, per avviare un confronto con il settore.

Apprezzato il chiarimento avuto con Governo che ripristina una verità inequivocabile: i gestori non hanno alcuna responsabilità per l’aumento dei prezzi, né per le eventuali pretese speculazioni di cui si è parlato”. Così dichiarano i sindacati un un comunicato congiunto al termine della riunione a Palazzo Chigi.

Per quello che riguarda le organizzazioni dei benzinai, le polemiche finiscono qui. Ora è il momento di lavorare seriamente per restituire efficienza e piena legalità alla rete”, continuano Faib, Fegica e Figisc/Anisa, che annunciano anche l’avvio del tavolo tecnico.

Sciopero congelato con riserva: “Leggeremo il decreto”

Già nei prossimi giorni, le organizzazioni dei gestori si rendono disponibili ad affrontare i temi sul tavolo e a individuare strumenti anche normativi utile ad affrontare sia la contingenza che soprattutto la prospettiva. Un percorso che può portare a rivalutare anche lo sciopero proclamato per fine mese, al momento congelato seppure con la riserva per una sua sospensione in funzione dell’esame del testo del decreto una volta emanato“.