Un furto che ha dell’incredibile a Napoli. Dei malviventi hanno dapprima rubato un’ambulanza; poi l’hanno utilizzata per sfondare la vetrina di una pizzeria. Per poi ripulire completamente l’esercizio commerciale dalla merce e dai soldi in cassa. Rubati, tra le altre cose, un’affettatrice e una macchina per il caffè. È accaduto nella zona dei Colli Aminei, quartiere collinare della città. Il video è stato girato dallo stesso proprietario della pizzeria e poi inviato al deputato di Alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli. Ex consigliere regionale, da tempo impegnato nel contrasto alle attività malavitose sul territorio cittadino.

Incredibile rapina ai Colli Aminei, Napoli

Ed è proprio da Borrelli che giunge il commento alla vicenda: “Siamo stanchi – scrive il parlamentare in un post pubblicato su Facebook – di dover difendere quotidianamente le nostre attività dai delinquenti. Viale Colli Aminei è sotto attacco continuo. Chiediamo una presenza concreta e fattiva delle forze dell’ordine a tutela delle persone oneste che abitano e lavorano in un’area densamente popolata e viva, ma bersagliata dalla malavita. Le Istituzioni non restino sorde al grido di aiuto dei cittadini.” E ancora: “Siamo di fronte a un doppio danno: un’ambulanza rubata e danneggiata sottratta al servizio sanitario e un imprenditore che dovrà rimboccarsi le maniche e recuperare un danno di svariate migliaia di euro.”

Incredibile furto a Napoli, il deputato Borrelli: “Fenomeno in crescita durante la notte di Capodanno”

Quello dei furti durante la notte di San Silvestro pare ormai essere una prassi consolidata. I malviventi, approfittando del rumore creato dai botti, hanno modo di scatenarsi: “i delinquenti sono particolarmente attivi. Il frastuono è un ottimo alleato per mettere a segno i loro colpi. A Brusciano, infatti, la saracinesca di un panificio è stata forzata da un ladro che, una volta entrato, ha portato via i pochi soldi in cassa e non contento ha anche tentato di forzare la cassaforte di un distributore automatico. I cittadini chiedono aiuto, non possono farcela da soli contro una criminalità sempre più spregiudicata e violenta. Bisogna fare fronte comune contro il dilagare dei malintenzionati, un esercito numericamente in forte crescita.”