Caro carburanti, dove fare il pieno: c’è un modo per risparmiare

Con l’addio al taglio delle accise è tornato di moda l’argomento del caro carburanti. Esiste un modo per risparmiare: ecco dove fare il pieno.

Cambia l’anno eppure uno degli argomenti più dibattuti del momento resta il caro carburanti. Infatti con lo scattare da questo gennaio è scaduto il taglio delle accise: dove fare il pieno per risparmiare.

Caro Carburanti
Cosa cambia da quest’anno e come rimediare al problema (Via Ansa Foto)

Dall’inizio dell’anno molti cittadini hanno potuto notare un incremento dei prezzi di benzina e gasolio. Tutto ciò è dovuto al governo Meloni che ha deciso di non rinnovare lo sconto, ossia il taglio delle accise, nella legge di Bilancio, comportando un inevitabile aumento del prezzo di benzina e diesel. Proprio questo mancato rinnovo ha portato ad un aumento 0,18 euro al litro. Un passo indietro se si pensa che l’ultimo giorno dell’anno si è chiuso con i prezzi più bassi degli ultimi mesi.

Infatti benzina e diesel si sono attestati intorno ai 1,620 euro al litro. Ma a partire dal primo gennaio abbiamo un costo medio dei carburanti che si attesta intorno ai 1,850 euro al litro. Inoltre si stima che per diverso tempo il costo dei carburanti continuerà ad oscillare. Mentre il sostegno agli italiani del governo Meloni è meno incisivo rispetto a quello di Draghi, questo comporta uno sforzo in più per i cittadini che devono tentare di risparmiare con alcuni metodi. Andiamo a vedere come risparmiare su un pieno.

Caro carburanti, i consigli per risparmiare su un pieno: il confronto dei prezzi

Caro Carburanti
I consigli per risparmiare per tutti gli italiani (via Ansa Foto)

In un periodo in cui i prezzi sono tornati ad aumentare, uno dei consigli più utili per risparmiare è quello di consultare il portale Osservaprezzi carburanti del ministero dello Sviluppo economico. Infatti questo permette di confrontare i prezzi del carburante (diesel e benzina) su tutto il territorio nazionale ed evitare così di selezionare un distributore più o meno costoso. Ma questo non è l’unico modo per risparmiare, visto che in questo senso ci torna anche utile Google Maps.

L’app di navigazione infatti permette di trovare il distributore con il prezzo della benzina più basso. Discorso simile anche per un’altra applicazione in alternativa al navigatore di Google, ovvero Waze. Esistono poi una serie di applicazioni che permettono di mostrare i distributori più vicini al prezzo più basso. Oltre a queste app però esistono anche dei consigli per consumare meno carburante. Per farlo basterà utilizzare al meglio il cambio marce, moderare la velocità e guidare con i finestrini chiusi. Inoltre un altro consiglio utile per risparmiare è quello di programmare il proprio percorso, scegliendo la strada più corta per chilometri.