Meloni: “L’Italia non chiederà mai il Fondo salva Stati. Lo posso firmare col sangue”

Al centro dell'intervista della presidente del Consiglio con Bruno Vespa, ci sono stati anche il reddito di cittadinanza, i ristori ai commercianti che pagano le commissioni sul Pos, l'immigrazione, l'Ucraina e l'indipendenza dell'Italia dai partner stranieri in materia energetica, che sia la Russia o chiunque altro.

Giorgia Meloni - Foto di Ansa Foto
Giorgia Meloni – Foto di Ansa Foto

Finché io conto qualcosa, che l’Italia non acceda al Mes lo posso firmare col sangue”. Non ha dubbi Giorgia Meloni, che nella sua prima intervista televisiva da quando è premier, a Porta a Porta, ai microfoni di Bruno Vespa ha detto no all’accesso all’ex fondo salva-Stati. Ma apre sulla riforma del meccanismo di assistenza finanziaria.

L’Italia non è l’unico Paese dell’Ue a non averlo ratificato, quindi aggiunge, “certo, se rimaniamo gli unici che non la approvano blocchiamo anche gli altri. Ne discuterà eventualmente il Parlamento”. 

Meloni: “Possiamo rendere utile il Mes?”

Ma la domanda è: prima di entrare sul dibattito della ratifica, possiamo rendere questo strumento utile? Il direttore del Mes – aggiunge Meloni – ha detto che sono aperti alla posizione dell’Italia, vorrei parlare con lui per capire se c’è un modo di prendere un fondo a cui nessuno accederà, sicuramente non l’Italia, e farne un fondo utile per qualcuno, con minori condizionalità, priorità diverse. Una cosa che non rischi di metterti un cappio al collo”. 

Al centro dell’intervista della presidente del Consiglio con Bruno Vespa, ci sono stati anche il reddito di cittadinanza, i ristori ai commercianti che pagano le commissioni sul Pos, l’immigrazione, l’Ucraina e l’indipendenza dell’Italia dai partner stranieri in materia energetica, che sia la Russia o chiunque altro.

Giorgia Meloni non si è soffermata sulla manovra, ma ha spiegato: “Sono cresciuta nella conflittualità, figuriamoci se mi spaventano le manifestazioni. L’unica cosa che mi spaventa è deludere”. Il suo obiettivo è arrivare alla fine della legislatura.