Taglio del cuneo fiscale: come cambiano gli stipendi

Ci sarà l'esonero contributivo del 2% per redditi fino a 35mila euro. Si allarga la platea per il taglio al 3%, innalzando i 20mila euro a 25mila.

Taglio del cuneo fiscale (generica) - Foto di pexels.com
Taglio del cuneo fiscale (generica) – Foto di pexels.com

La manovra economica è approdata oggi, 22 dicembre, in Aula alla Camera, in ritardo di un giorno rispetto alla tabella di marcia. Dopo la discussione generale, potrebbe dover tornare in Commissione per via di un emendamento approvato per sbaglio, che stanzia 450 milioni per i Comuni che sarebbe senza copertura.

Tra le novità c’è il taglio del cuneo fiscale, una delle modifiche più importanti della manovra. Ci sarà l’esonero contributivo del 2% per redditi fino a 35mila euro. Si allarga la platea per il taglio al 3%, innalzando i 20mila euro a 25mila. E sono previsti anche premi di produttività fino a 3mila euro, tassati al 5%.

Cuneo fiscale: come aumenta lo stipendio

Ma quale sarà l’impatto vero sugli stipendi dei lavoratori? Lo ha calcolato il Sole 24 ore. Vediamolo insieme.

Per chi guadagna meno di 25mila euro, il risparmio massimo è pari a 493,85 euro all’anno. I beneficiari sono quelli che rientrano nella fascia contributiva che va da 22.500 a 25mila euro l’anno.

Chi ha un reddito fino a 10mila euro, avrà un risparmio di 19,5 euro al mese, pari a 231 euro all’anno. Chi ha un reddito fino a 12.500 euro, avrà un risparmio di 24,06 euro al mese, cioè 288,75 euro annui.

Chi ha un reddito di 15mila euro risparmierà 28,88 euro al mese e 346,50 euro all’anno. Con un reddito di 17.500 euro invece, si risparmierà 28,81 euro al mese e 345 euro all’anno.

Con un reddito di 20mila euro si risparmierà 32,92 euro al mese e 395,08 euro all’anno. Con reddito di 22.500 euro il risparmio mensile è di 37,04 al mese e 444,46 euro all’anno. In pratica, più si guadagna più si risparmia. I redditi fino a 25mila all’anno risparmieranno 41,15 euro al mese e 493,85 euro all’anno.