Caro bollette, il trucco per utilizzare al meglio i termosifoni: super risparmio

Il caro bollette è uno dei temi che ha contraddistinto quest’anno. Andiamo quindi a vedere come utilizzare al meglio i termosifoni: risparmio assicurato.

Durante questo 2022 uno dei temi che ha afflitto gli italiani è stato il caro bollette. Infatti esistono diversi trucchi per risparmiare ed uno di questi riguarda proprio l’utilizzo dei termosifoni: scopriamo quindi come fare.

Caro bollette termosifoni
Il trucco che vi farà risparmiare (Via Pexels)

Il primo freddo è finalmente arrivato sulla penisola e si corre ai ripari per risparmiare sul riscaldamento. Per tutti coloro che non possono fare un investimento extra come la stufa a pellet o un camino a bioetanolo, è quindi periodo di accendere i termosifoni. Alla luce dell’impennata dei prezzi, però, in molti si chiedono quanto consuma il termosifone, ma soprattutto quale strategie adottare per scaldarsi senza gravare sul caro bollette.

Prima di capire tutti i costi che porta il termosifone in casa bisogna ricordare vari punti. Il primo è quello di eseguire la manutenzione degli impianti e poi controllare la temperatura degli ambienti per spegnere i termosifoni non appena raggiunto il livello di calore desiderato. Inoltre tutti i cittadini dovranno monitorare le ore di accensione ed installare pannelli riflettenti tra muro e termosifone. Infine bisognerà schermare le finestre al tramonto. Fatte queste accortenze sarà possibile vedere quanto consumano i termosifoni.

Caro Bollette, come utilizzare al meglio i termosifoni: risparmio extra per tutti gli italiani

Caro Bollette
Come risparmiare con i riscaldamenti (Via WebSource)

Partiamo subito rivelando che l’energia consumata in un’ora di riscaldamento invernale è variabile e influenzata da fattori come l’isolamento termico di una casa ma, facendo una media. Stilando una media possiamo parlare di un intervallo di 2-12 kWh, pari a 0,25-1,5 mc/ora. Le stime rivelano che il costo medio e domestico di 1 kWh per alimentare una caldaia a gas metano è pari a 0,11 euro. Basterà quindi moltiplicare tale costo per 5,23 kWh e si otterrà la cifra di 0,57 euro definendo quindi una buona approssimazione del costo orario.

Mettendo la metratura a circa 100 mq si può capire che in media si spendono 0,57 euro all’ora. Ovviamente le abitudini personali di un nucleo familiare ed il tempo trascorso in casa sono determinare per capire se questi dati oscilleranno in positivo o in negativo. Però secondo una stima diffusa dall’ARERA (Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico) ogni famiglia spenderebbe all’anno circa 900 euro per gli impianti di riscaldamento domestico , con un costo medio di 80 euro al mese.