Qualità della vita: quali sono le città italiane dove si vive meglio

Il Sole 24 Ore spiega anche che le performance delle città italiane stanno peggiorando soprattutto per i canoni di affitto che sono molto alti e il benessere delle giovani generazioni.

Piazza Maggiore Bologna - Foto di Ansa Foto
Piazza Maggiore Bologna – Foto di Ansa Foto

Bologna è la città italiana con la migliore qualità di vita. Com’è emerso dalla 33esima edizione dell’indagine de Il Sole 24 Ore, il capoluogo emiliano è per la quinta volta sul podio. La prima nel 2000, poi nel 2004, nel 2011 e nel 2020.

Questa volta tra le migliori ci sono anche Bolzano e Firenze, che scala rispetto all’anno scorso, mentre Milano è all’ottavo posto. Roma e Torino scendono, con la capitale perde 18 posizioni a causa delle cause civili iscritte al Tribunale, mentre il capoluogo piemontese è al 40esimo posto.

Napoli al 90esimo posto per la qualità dell’aria e la criminalità

Palermo all’80esimo posto, mentre Napoli al 90esimo, penalizzata anche dalla scarsa qualità dell’aria e dell’incidenza dei crimini denunciati. Le dieci città in cui la qualità di vita è migliore, secondo la classifica de Il Sole 24 Ore, sono: Bologna, Bolzano, Firenze, Siena, Trento, Aosta, Trieste, Milano, Parma e Pisa. Seguono poi Cremona, Udine, Reggio Emilia, Bergamo, Sondrio, Verona, Modena, Cagliari, Gorizia e Venezia.

Qualità della vita: le città italiane peggiori

Le peggiori dieci invece sono: Crotone, Isernia, Caltanissetta, Foggia, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Taranto, Enna, Caserta, Napoli, seguite da Salerno, Catanzaro, Cosenza, Potenza, Trapani, Brindisi, Catania, Siracusa, Messina e Palermo.

Il Sole 24 Ore spiega anche che le performance delle città italiane stanno peggiorando soprattutto per i canoni di affitto che sono molto alti e il benessere delle giovani generazioni. Le posizioni dall’81 alla 107 sono tutte città del Sud.