Fusione nucleare, atteso per oggi l’annuncio Usa: cosa comporta

L'energia nucleare è considerata più ecologica della fissione nucleare, perché genera una quantità minore di radiazioni e scorie. 

Fusione nucleare - Foto di Ansa Foto
Fusione nucleare – Foto di Ansa Foto

L’annuncio è atteso per oggi: il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha dichiarato che presto ci sarà una “importante svolta scientifica” legata alla ricerca della fusione nucleare.

Il presidente Usa Joe Biden dovrebbe dare i dettagli in occasione di una conferenza stampa. Per la prima volta nella storia, grazie a questo esperimento, sarà possibile produrre una reazione di fusione nucleare che genera più energia di quella necessaria per innescarla. A dare l’indiscrezione, il Washington Post, confermando la notizia uscita sul Financial Times e parlando di “una pietra miliare nella decennale e costosa ricerca per sviluppare una tecnologia che fornisca energia illimitata e niente scorie radioattive, con molte meno risorse di quelle necessarie per sfruttare l’energia solare ed eolica”.

Fusione nucleare: cosa comporta la scoperta

Secondo i promotori, oltre che benefici climatici, la scoperta potrebbe portare l’elettricità a basso costo nelle parti povere del mondo. Dal Dipartimento Energia Usa non sono ancora arrivate conferme ufficiali.

L’esperimento sarebbe stato realizzato nella National Ignition Facility, un’installazione di ricerca situata nei Lawrence Livermore National Laboratory, in California, che studia la fusione a confinamento inerziale usando i laser.

Lo scopo della ricerca sulla fusione nucleare è replicare la reazione che crea l’energia solare, per ottenere la produzione di energia che imiti quella delle stelle. L’energia nucleare è considerata più ecologica della fissione nucleare, perché genera una quantità minore di radiazioni e scorie.