Pos, tetto ai contanti, rdc e Flat tax, Banchitalia gela la manovra: cosa farà Giorgia Meloni?

La premier sarebbe pronta a fare un passo indietro e cancellare interamente la norma sul Pos per non mettere a rischio il Pnrr.  

Banca d'Italia - Foto di Ansa Foto
Banca d’Italia – Foto di Ansa Foto

Monta la polemica dopo l’audizione della Banca d’Italia di ieri mattina, lunedì 5 dicembre, alla Camera. In merito alla manovra, ha criticato i provvedimenti del governo sull’uso del Pos, il tetto ai contanti, il reddito di cittadinanza e la Flat Tax.

Sono contro la modernizzazione del Paese che anima il Pnrr e contro l’esigenza di continuare a ridurre l’evasione fiscale”. Queste le parole usate da Fabrizio Balassone, capo del servizio struttura economica di via Nazionale.

La risposta della maggioranza

La risposta della maggioranza non si fa attendere, con il sottosegretario Giovanbattista Fazzolari che commenta: “È la voce delle banche”. Anche Francesco Filini, deputato di Fratelli d’Italia, componente Commissione Finanze e coordinatore dell’Ufficio Studi, ai microfoni di iNews24ha dichiarato: “Il Pnrr ha come obiettivo incentivare la digitalizzazione dei pagamenti, ma non parla assolutamente di obbligo. Ritengo che sia una valutazione errata della Corte dei Conti. Anche Banchitalia adesso ha affermato che il provvedimento è in contrasto col Pnrr: non mi stupisce che un’entità partecipata dalle stesse banche che lucrano attraverso la moneta elettronica, la difenda: è scontato”.

Sulla stessa linea anche Forza Italia, come spiega il deputato Luca Squeri responsabile del Dipartimento Energia. In una nostra intervista, in merito al tetto ai contanti, ha infatti spiegato: “Chi utilizza soldi illeciti non ha certo problemi ad utilizzarli con qualsiasi tetto. Non è questo il modo per contrastare le attività criminali che portano introiti in nero di grandi risorse e l’evasione. Ci sono tanti modi per contrastare l’evasione, li stiamo mettendo in atto, ma non è il singolo scontrino che può modificare la situazione”. 

Pos: Meloni pronta anche a cancellare la norma?

Intanto sui social nei giorni scorsi la premier Giorgia Meloni ha spiegato che sarebbe pronta a ridefinire la soglia dei 60 euro oltre i quali l’esercente è obbligato ad accettare il pagamento col Pos. E secondo La Repubblica è addirittura pronta a fare un passo indietro e cancellare interamente la norma per non mettere a rischio il Pnrr.

Le trattative con Bruxelles

La presidente del Consiglio sarebbe “stufa” degli attacchi alla manovra arrivati da Banchitalia, Cnel e Corte dei Conti. Ma contemporaneamente sta anche trattando con Bruxelles per provare a chiudere un accordo che abbassi da 60 a 30 il limite dei pagamenti elettronici.