Influenza, Pregliasco a iNews24: “Come riconoscerla, come si cura e come si previene”

Fabrizio Pregliasco - Foto di Ansa Foto
Fabrizio Pregliasco – Foto di Ansa Foto

Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, spiega cos’è l’influenza di quest’anno e come si cura.

Innanzitutto, consiglia il vaccino antinfluenzale?
La vaccinazione antinfluenzale per tutti è fondamentale, ma diventa una raccomandazione molto stringente per i fragili di qualsiasi età. È un’opportunità anche per i più giovani, perché anche per loro l’influenza può un decorso non piacevole e qualche guaio. In più sono diffusori della malattia in famiglia e nella comunità in cui vivono”;

Lo consiglia anche ai bambini tra i 6 mesi e i 6 anni?
Sì, assolutamente”;

Ci si può ancora vaccinare?
Sì può e si deve fare anche adesso, nonostante la stagione sia cominciata precocemente a causa del virus che sta circolando. Dopo una settimana dal vaccino, la capacità protettiva è al livello massimo. La malattia non è maggiormente cattiva, ma essendoci più casi si vedono di più gli effetti”;

Di che virus si tratta?
Il virus è l’AH3N2 Darwin. In Australia ha già fatto disastri ad agosto, quando lì era inverno, causando la più brutta stagione degli ultimi cinque anni. Questa variante è diversa dalle altre passate ed ha una maggiore capacità diffusiva. In più trova spazi di diffusione maggiore perché negli ultimi due anni il Covid ha ridotto la circolazione degli altri virus. La stagione è cominciata adesso e andrà avanti con un picco nel periodo pre e immediatamente post natalizio, poi arriverà la discesa”;

Quali sono i sintomi dell’influenza di quest’anno?
La vera influenza si riconosce per tre cose: febbre oltre i 38 gradi, almeno un sintomo respiratorio (naso chiuso o che cola, tosse…) e un sintomo generale (dolori muscolari, articolari, un senso di bastonatura…). Se ci sono questi tre elementi probabilmente è una vera influenza. Poi esistono altri virus simil influenzali e determinano forme più o meno variegate. Il Covid ha creato un po’ di caos, perché si manifesta in tutti i modi possibili: da nessun sintomo alle polmoniti virali”;

Come proteggersi dal virus influenzale?
Si trasmette allo stesso modo del Covid-19. Quindi tutto quello che abbiamo imparato durante la pandemia va mantenuto. Ora la mascherina non è più obbligatoria, ma va usata come gli occhiali da sole, quando serve, soprattutto dai fragili. Ognuno può decidere di usarla secondo la propria sensibilità. Poi ci si può proteggere con il vaccino per entrambi i virus, quello influenzale e il Sars-CoV-2. C’è un’onda di risalita importante per l’influenza ma anche per il Covid. Però la differenza dell’impatto sugli ospedali sarà diversa in base a quanti si vaccineranno, specie i fragili”;

Quindi sta consigliando di usare la mascherina anche se non è più obbligatoria…
Sì, ma senza aspetti ideologici o agitazione da parte di chi non vuole”;

Quali medicinali vanno usati contro l’influenza?
I farmaci da banco di automedicazione, antinfiammatori da utilizzare secondo il bugiardino, senza eccedere nella somministrazione per attenuare i sintomi senza azzerarli. Seguire l’andamento della malattia e se non si guarisce, rivolgersi al medico. Mai assumere antibiotici. Il paracetamolo va bene, così come l’ibuprofene e altri prodotti antinfiammatori”;

Quali sono i cibi che favoriscono l’innalzamento delle difese immunitarie?
Sostanzialmente i probiotici e un’alimentazione varia con il gruppo della vitamina B”.