Allerta alimentare: non consumate questo amatissimo insaccato

Nuova allerta alimentare lanciata dal Ministero della Salute. Infatti in queste ore è stato ritirato dal mercato un amato insaccato: i dettagli.

Non finiscono i controlli del Ministero della Salute per quanto riguarda i prodotti messi sul mercato, ritirando nelle ultime ore uno degli insaccati più amati. Tutti i dettagli riguardanti il prodotto tolto dal commercio.

Allerta Alimentare
Tutti i dettagli sull’insaccato tolto dal mercato (Via Pixabay)

Il Governo Italiano continua a monitorare i prodotti messi sul mercato per tutelare la salute dei propri consumatori. Infatti sono sempre tanti i rischi per quanto riguarda i prodotti alimentari contaminati. I controlli su questi prodotti sono in aumento sia in Italia che negli altri paesi europei. Come specificato dal Ministero della salute sono tantissimi soprattutto i rischi chimici legati alla contaminazione dei cibi destinati alla vendita al dettaglio.

Sul proprio sito il Ministero della Salute, gli operatori del settore (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti in vendita. Inoltre in caso di contaminazione o rischi sono obbligati a ritirare dalla vendita i lotti incriminati. Sempre l’Osa poi dovrà ritirare questi prodotti dal mercato, andiamo quindi a vedere qual è l’ultimo provvedimento preso dal Ministero della Salute italiano. Andiamo quindi a vedere l’ultimo prodotto ritirato dal mercato.

Allerta alimentare, il Ministero ritira un famoso salame: il comunicato

salame
Salame cacciatore (Pixabay)

In queste ore quindi il Ministero della Salute ha ritirato un lotto di Salame morbido del famoso marchio SA.MO. srl. Stando alla nota pubblicata il ritiro è arrivato a causa di un rischio microbiologico. Sul proprio sito ufficiale il Ministero ha comunicato tutti i dettagli riguardanti il prodotto tolto dal commercio. Infatti si tratta del lotto di produzione numero 27/10/2022.

Il motivo del richiamo sarebbe la possibile presenza di lysteria monocytogenes. I consumatori dovranno restituire il prodotto al punto vendita. Per ulteriori informazioni, contattare l’indirizzo mail ed il numero dell’azienda in questione. I rivenditori, invece, dovranno sospendere la vendita del lotto richiamato e tenerlo a disposizione della SA.MO. srl.