Sono sbarcati a Reggio Calabria gli 89 migranti giunti in Italia sulla nave Rise Above. Tra di loro, circa quaranta minorenni e otto bambini. I migranti sono ora in un centro di prima accoglienza in attesa che vi sia il riparto nazionale come stabilito dal Ministero dell’Interno. A differenza di quanto sta accadendo a Catania, dove parte dei migranti della Geo Barents sono ancora a bordo, coloro che erano sulla Rise Above sono sbarcati tutti perché l’intervento della Ong tedesca Mission Lifeline è considerato un evento Sar (Search and Rescue). Un acronimo che sta a indicare un insieme di operazioni di salvataggio che sono mirate alla salvaguardia della vita umana in particolari situazioni di pericolo.

Rise Above a Reggio Calabria

Nella prima fase dello sbarco di Reggio Calabria, l’equipaggio della “Rise Above” non è stato fatto scendere dalla nave in attesa che lo stesso fosse identificato dalle forze dell’ordine. Fonti delle forze dell’ordine, infatti, fanno sapere che occorreva verificare se, tra i marittimi a bordo dell’imbarcazione gestita dalla ong “Mission Lifelive”, ci fossero persone non comunitarie per le quali ci potevano essere delle restrizioni. Eseguito l’accertamento e verificato che tutti i componenti sono comunitari, gli stessi hanno avuto la possibilità di scendere sulla banchina.

Migranti, Rise Above a Reggio Calabria. A Catania situazione ancora critica

A Catania, intanto, la situazione continua a essere critica. Nel porto sono arrivati gli ispettori dell’Usmaf per effettuare una rivalutazione dei migranti a bordo della Gei Barents. “Help… help” urlano i migranti a bordo della Geo Barents. Sulla nave della Ong, attraccata nella banchina del molo dieci del porto di Catania, i naufraghi mostrano due cartelli, in uno c’è scritto “Help” e nell’altro “Disembark 4 all”. I due migranti che ieri si erano buttati in mare e poi soccorsi hanno dormito sdraiati all’interno di un furgone bianco fermo in banchina a una ventina di metri dalla Geo Barents. I due si sono rifiutati di risalire sulla nave e hanno trascorso l’intera giornata di ieri accovacciati in banchina. Sono stati assistiti dai volontari della Croce Rossa. Le loro condizioni sono buone.