WhatsApp, da adesso capire se ci hanno bloccati diventa più complicato: come fare

WhatsApp continua ad aggiornarsi e garantire sempre maggiore privacy ai suoi utenti. Adesso sarà più difficile capire quando siamo stati bloccati

Passo dopo passo, l’applicazione di messaggistica fa il possibile pur di garantire la massima privacy ai suoi utenti. Solo di recente, è stato reso impossibile effettuare screenshot ai contenuti con una sola visualizzazione.

whatsapp
Insidia su WhatsApp (Pixabay)

Solo di recente, su Whatsapp è comparso un messaggio di garanzia della privacy per gli utenti. L’applicazione di messaggistica sta facendo il possibile pur di lasciare che i suoi utenti si sentano quanto più tutelati possibile. Da poco sono stati introdotti i contenuti multimediali ad un’unica visualizzazione e solo pochi giorni fa è stato impedito di poter fare screenshot o registrazioni schermo. In più, è stato resto impossibile da WhatsApp Web aprire questi contenuti, proprio affinché non ci siano foto/video registrati contro la volontà altrui.

In più, una delle ultimissime novità aggiunte è quella dello stato online nascosto. Dopo le spunte blu e l’ultimo accesso, sarà possibile non mostrare neppure quando siamo online o meno, al fine di non ricevere seccature dagli altri. Quante volte ci hanno scovati online e chiesto di rispondere? Da adesso non sarà più un problema.

WhatsApp, quando ci bloccano non scompare più la foto

WhatsApp
Spunta un’ennesima novità sul servizio di messaggistica (via WebSource)

Quando qualcuno ci bloccava, era molto semplice capirlo: spariva la foto dell’immagine del profilo. Da un po’ di tempo a questa parte, invece, la foto resta ed è impossibile capire se una persona ci ha bloccato o meno. L’unica possibilità di capirlo è quando all’altra persona non arrivano i messaggi: può capitare che questa persona si trovi con internet spento o in un luogo in cui non prende, ma prima o poi dovrà spostarsi o accendere la connessione.

Alle persone che ci bloccano, invece, resterà sempre un’unica spunta che è rimasto il solo indizio per capire se qualcuno ci ha bloccato. Ancora una volta, WhatsApp agisce nell’interesse e nella tutela della privacy dei suoi utenti, garantendo di non far sapere all’altra persona di essere stata bloccata.