Bollette: l’Antitrust scende in campo contro gli aumenti

A pochi giorni dall'avvio delle indagini istruttorie e un provvedimento, l'Autorità garante della concorrenza e del mercato è passata dalle minacce all'imposizione.

Caro bollette (archivio) - Foto di Ansa Foto
Caro bollette (archivio) – Foto di Ansa Foto

L’Antistrust potenzia lo scudo a difesa dei consumatori di luce e gas. La battaglia dei cittadini portata avanti insieme con le associazioni, fino ad oggi sembrava difficile e lunga, con il solo mezzo dei ricorsi amministrartivi.

Con una mossa a sorpresa, l’Antistrust ha preso una decisione frutto di un’interpretazione del decreto Aiuti bis. Finora il decreto sospendeva tutte le modifiche unilaterali fino ad aprile 2023, ora invece si applica alla stragrande maggioranza dei rinnovi di quei contratti che, dopo uno o due anni, stanno scadendo.

A pochi giorni dall’avvio delle indagini istruttorie e un provvedimento, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato è passata dalle minacce all’imposizione: “Fate marcia indietro. Quelle modifiche ai contratti su luce e gas erano illegittime e contrarie al decreto di stop del governo scattato il 10 agosto scorso, ma retroattivo”. 

I provvedimenti delle scorse settimane

Nelle scorse settimane l’Antitrust aveva avviato quattro procedimenti istruttori e altrettanti sub-procedimenti cautelari, nei confronti di società fornitrici di energia elettrica e gas naturale sul mercato libero.

Inoltre ha inviato una richiesta di informazioni ad altre 25 società. Sotto la lente di ingrandimento, le proposte di modifica del prezzo di fornitura di energia elettrica e gas naturale, in contrasto con l’articolo 2 del Decreto legge 9 agosto 2022 numero 115 (cd. Aiuti bis) convertito in legge numero 142 del 21 settembre 2022.

La norma sospende fino al 30 aprile 2023 l’efficacia sia delle clausole contrattuali che consentono alle società di vendita di modificare il prezzo di fornitura, sia delle comunicazioni di preavviso, salvo che le modifiche si siano già perfezionate prima dell’entrata in vigore del decreto stesso.