Meteo, weekend di Ognissanti con l’anticiclone di Halloween: ancora caldo in Italia

Nel corso di questo fine settimana avremo ancora l’anticiclone di Halloween attivo sulla penisola: caldo estremo per questo periodo autunnale.

Questo fine settimana si concluderà ancora con l’anticiclone di Halloween pronto a colpire diverse zone della penisola. Ancora spazio al caldo estremo che sarà rafforzato sulla penisola italiana: cosa sta succedendo.

Meteo
Non si arresta il caldo sulla penisola (via Pixabay)

L’Italia è ancora in una bolla africana, con l’anticiclone che caratterizzerà anche il Ponte di Ognissanti. Gli ultimi aggiornamenti confermano il possente Anticiclone di Halloween che ci traghetterà nel mese di Novembre, con pesanti conseguenze sull’Italia. L’atmosfera di questi giorni non presenterà tante verità. L’Italia sta vivendo un contesto meteo davvero eccezionale, sia per la durata piuttosto lunga di questa fase anomala, sia per le temperature che si mantengono su valori straordinariamente sopra la media.

La configurazione generale resta dominata da un vasto campo di alta pressione a matrice africana che risulta di stampo estiva. La stabilità atmosferica e le giornate calde e soleggiate saranno sicuramente uno degli aspetti salienti e decisamente anomali già dal weekend. Anche i valori termici risulteranno fuori dal normale. Ma ci saranno anche pesanti conseguenze ambientali come ad esempio le nebbie. Ovviamente tra queste ci sarà anche lo smog, ecco cosa succederà nelle prossime 24 ore.

Meteo, l’anticiclone africano ancora sull’Italia: tutte le previsioni

Meteo
Giornata calda per tutta la penisola italiana (Via Pixabay)

Nel corso delle prossime ore non ci sarà nessuna variazione interverrà almeno fino alla fine della settimana, con l’anticiclone africano che sarà sempre dominante sull’Europa mediterranea e coinvolgerà direttamente l’Italia. Il tempo quindi si potrà mantenere stabile e generalmente soleggiato sulle nostre regioni e solo di tanto in tanto si potrà assistere al passaggio di qualche innocuo annuvolamento all’estremo Sud. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa succederà sui tre settori principali del paese.

Sulle regioni del Nord Italia avremo cielo poco nuvoloso, ma con foschie dense e locali nebbie nottetempo e al primo mattino sulle basse pianure lungo il Po. Inoltre avremo velature dal pomeriggio al Nordovest. Le temperature rimarranno stazionarie, con massime che andranno dai 22 ai 25 gradi.

Mentre invece sulle regioni del Centro Italia avremo del cielo sereno o poco nuvoloso. Non mancheranno delle locali foschie fino al mattino sui fondovalle appenninici. I calori termici risulteranno stazionarie, con valori che risulteranno stabili e massime che oscilleranno dai 21 ai 26 gradi.

Infine sulle regioni del Sud Italia avremo del cielo poco nuvoloso, fatta eccezione per un cielo poco nuvoloso, salvo variabilità e locali nubi basse su Salento, settori ionici e Sicilia. I valori termici risulteranno in diminuzione, con massime che andranno a stabilizzarsi dai 21 ai 25 gradi.