Canone Rai, chi può chiudere l’esenzione: tutto quello che c’è da sapere

Il Canone Rai è una delle imposte più odiate dagli italiani. Allo stesso tempo però alcuni possono chiedere l’esenzione: di chi si tratta. 

Tra le tasse più odiate dal popolo italiano troviamo senza ombra di dubbio anche il Canone Rai. Dal 2023 questa imposta uscirà dalla bolletta e ad oggi c’è chi può chiedere già l’esenzione: tutti i dettagli.

Canone Rai
Tutte le info riguardanti l’esenzione (via WebSource)

Nei prossimi giorni scade il termine per presentare la domanda di esenzione dal canone Rai per il secondo semestre 2022 e avere uno sconto del 50% sul costo complessivo della tassa, pari a 90 euro. Sono diversi coloro che potranno presentare la domanda. Tra questi troviamo i titolari di un’utenza elettrica ad uso domestico residenziale, che non hanno una tv in nessuna delle abitazioni in cui è attivata l’utenza intestata. Infatti sono proprio loro gli interessati all’esenzione del pagamento dell’imposta.

Questa categoria quindi dovrà avere presente che al termine del mese non si potrà più presentare la domanda per l’esenzione. Inoltre questa richiesta di esenzione deve quindi essere rinnovata ogni anno, per confermare di averne diritto ogni anno. Andiamo quindi a vedere tutti i dettagli riguardanti l’esenzione dal pagamento dell’imposta. Le categorie che possono chiedere di non pagare la tassa sono diverse, andiamo a vedere chi ha diritto all’esenzione.

Canone Rai, chi può ottenere l’esenzione: la lista completa

canone rai
Chi può ottenere l’esenzione dall’imposta (web source)

ono diverse le categorie interessate all’esenzione del pagamento dell’Imposta. Infatti i cittadini interessati sono: anziani over 75 titolari di reddito non superiore a 8.000 euro; invalidi civili degenti in un casa di riposo; militari delle Forze Armate Italiane: ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate; militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; agenti diplomatici e consolari: solo per quei Paesi per cui è previsto lo stesso trattamento per i diplomatici italiani; e rivenditori e negozi in cui vengono riparate TV.

Inoltre non pagherà la tassa anche chi dichiara di non possedere alcuna televisione in casa. In questo caso però la domanda deve essere inviata all’Agenzia delle Entrate. L’invio della richiesta può essere fatta nei seguenti modi:

  • Usando l’applicazione web del sito dell’Agenzia Entrate. Ovviamente bisognerà prima registrarsi ed essere abilitati ai servizi telematici; a questo punto si potrà procedere all’invio online dei documenti.
  • Tramite un intermediario abilitato, come Caf e commercialisti.
  • Inviando la raccomandazione senza busta, al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino. Oltre alla richiesta dovrà essere inviato un documento di riconoscimento.
  • Infine si potrà anche inviare una  Pec munita di firma digitale del richiedente e trasmessa alla Rai all’indirizzo: cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.