Meteo, l’anticiclone africano mette KO l’autunno: caldo straordinario in Italia

L’anticiclone africano nelle prossime ore dilagherà sulla penisola italiana. Questa situazione allontanerà l’autunno: tutte le previsioni.

La scalata anticiclonica non troverà uno stop nelle prossime ore. Infatti le calde correnti di matrice africana continueranno ad avvolgere l’intero paese, portando caldo e temperature poco consone al periodo: che cosa sta succedendo.

Meteo
Ancora tanto caldo sulla penisola italiana (Via Pixabay)

Per il mese di novembre si intravede una svolta dal punto di vista meteo. Infatti l’anticiclone africano continuerà a condizionare il tempo sull’Italia anche nei prossimi giorni, esso potrebbe tuttavia subire un cedimento prima del previsto. Il tempo potrebbe peggiorare subito dopo il Ponte d’Ognissanti con un ritorno delle piogge. Potrebbe quindi aprirsi un un periodo di chiaro stampo autunnale con condizioni di maltempo su molte regioni. Questo cambio del tempo potrebbe avvenire intorno al 3/4 Novembre, con l’avvicinamento di una serie di impulsi perturbati nord-atlantici.

L’alta pressione potrebbe innalzarsi verso le alte latitudini, lasciando quindi spazio all’ingresso di una perturbazione in discesa su Francia e Italia, supportata da aria più fredda di origine polare-marittima. Avremo quindi una delle configurazioni meteo più significative in termini di maltempo sull’Italia. La caduta dell’anticiclone lascerà spazio ad un periodo favorevole alle piogge, con maltempo e temperature certamente più consone al periodo.

Meteo, tanto caldo anche durante questo sabato: le previsioni

Meteo
Meteo, da qui ad Halloween in Italia torna l’estate (Pexels)

Nessuna variazione è attesa almeno fino alla fine della settimana, con l’anticiclone africano che rimarrà la figura dominante sull’Europa mediterranea e coinvolgerà direttamente l’Italia. Anche durante questo sabato il tempo rimarrà stabile e generalmente soleggiato su tutta Italia e solo di tanto in tanto si potrà assistere al passaggio di qualche innocuo annuvolamento all’estremo Sud, innescato da un blando flusso di correnti settentrionali sulle regioni ioniche. Vediamo nei dettagli cosa succede sui tre settori principali.

Sulle regioni del Nord Italia avremo un tempo in prevalenza soleggiato fatta eccezione per alcune nebbie che andranno a disturbare tra notte e prime ore del mattino sulla Val Padana, specie lungo il corso del Po. Le temperature risulteranno stabili, con valori massimi che saranno stazionari tra i 21 ed i 25 gradi.

Mentre invece sulle regioni del Centro Italia avremo una mattinata prevalentemente soleggiata, salvo foschie o locali nebbie al primo mattino su pianure interne e fondovalle di Toscana e Umbria. Anche qui i valori termici risulteranno stazionari, con massime circoscritte tra i 21 ed i 27 gradi.

Infine al Sud Italia avremo una situazione prevalentemente soleggiata, fatta eccezione per alcuni innocui addensamenti sulle regioni ioniche e sulla Sicilia. Altrove invece non ci saranno fenomeni da segnalare. Le temperature saranno in lieve diminuzione qui, con massime che oscilleranno dai 20 ai 26 gradi.