Ho avuto suerte”. Queste le parole di Pablo Marì, colpito alla schiena e alla bocca da Andrea Tombolini, il quarantaseienne che ha rischiato di fare un strage nel supermercato Carrefour all’interno del centro commerciale Milano Fiori di Assago.

Il difensore spagnolo del Monza è ricoverato all‘ospedale Niguarda, ma non è in pericolo di vita ed è cosciente. È stato operato ai muscoli della schiena e resterà in osservazione per due o tre giorni prima delle dimissioni.

Adriano Galliani - Screenshot Alanews
Adriano Galliani – Screenshot Alanews

Adriano Galliani, ad della squadra, insieme con il tecnico Palladino, ha raggiunto il campione al nosocomio e poi si è fermato a parlare con i giornalisti: “È cosciente”, ha rassicurato.

Quello che è successo, “è incredibile”Marì ha raccontato che “aveva il bambino nel carrello e la moglie di fianco, non si è accorto di nulla. Dice di aver sentito un fortissimo crampo alla schiena”, causato dal coltello che Tombolini aveva afferrato da un espositore.

Marì ha assistito a tutta la scena

Come racconta Galliani, il calciatore ha visto tutta la scena: “Ha visto questo delinquente accoltellare alla gola una persona, tutto quello che è successo. È qualcosa di sconvolgente”. 

Il calciatore potrà tornare in campo tra almeno due mesi

Marì ha riportato ferite alla schiena, ma, spiega ancora l’ad, “per fortuna ha lesioni ai muscoli e non a organi vitali, quindi non è in pericolo”. E anche alla bocca, avrebbe avuto due punti al labbro. “A me è sembrato che stia bene, ma non sono un medico”, ha aggiunto Galliani: “È lucido e forte e ha detto che lunedì sera sarà in campo: una forza incredibile”. Ma purtroppo, i medici hanno fatto sapere che per il ritorno in campo ci vorranno almeno due mesi.