Lutto improvviso nello sport italiano: è morto un protagonista degli ultimi anni

Lutto improvviso nello sport italiano: è morto un protagonista degli ultimi anni. I tifosi sono rimasti sconvolti dall’annuncio 

Se n’è andato a 72 anni Alfredo Gavazzi, presidente per 9 anni della FIR. E’ stato anche fondatore, giocatore e presidente del glorioso club Calvisano. Lutto al braccio per la nazionale femminile impegnata nei Mondiali in Nuova Zelanda.

Lutto sport italiano
Grave lutto nello sport italiano (Facebook)

Una bruttissima notizia ha sconvolto il mondo dello sport italiano in queste ore. Ci ha lasciato all’età di 72 anni, nella mattinata di giovedì 27 ottobre, Alfredo Gavazzi, ex presidente della Federazione Italiana Rugby dal 2012 al 2021. Nella sua Manerbio ha trascorso i suoi ultimi giorni, nella zona del bresciano dove tutto ha avuto inizio. L’imprenditore aveva guidato la FIR per due mandati consecutivi, dopo essere stato membro del Consiglio Federale, ricoprendo numerose posizioni, nei quattro mandati della presidenza di Giancarlo Dondi.

Sotto la sua guida a capo della Federazione, il rugby azzurro ha vissuto una della pagine più importanti della sua storia, ovvero il quarto posto al Sei Nazioni del 2013. Le vittorie con la Francia e la fortissima Irlanda sono rimaste nell’immaginario collettivo, facendo toccare picchi mai più ripetuti in questi anni. Allo stesso modo il successo di Edimburgo nel 2015 e la storica affermazione a Firenze contro il Sudafrica nel 2016.

Lutto improvviso nello sport italiano, è morto Alfredo Gavazzi: aveva 72 anni

Alfredo Gavazzi
Alfredo Gavazzi (AnsaFoto)

Anche al femminile durante il suo doppio mandato sono arrivati dei picchi sportivi di grande valore. Il secondo posto dell’Italdonne nel Torneo 2019 più importante d’Europa è stato il preludio a quello che si sta vivendo ora in Nuova Zelanda. Dall’8 ottobre al 12 novembre 2022 si sta disputando il campionato mondiale di rugby femminile e proprio nella prossima gara dell’Italia nei quarti di finale ci sarà il lutto al braccio delle giocatrici. A deciderlo è stato il presidente federale Marzio Innocenti, disponendo anche la stessa procedura nel week end su tutti i campi d’Italia. Anche il presidente Malagò e diversi componenti del CIO hanno voluto far sentire il proprio ricordo e la propria vicinanza alla famiglia, in memoria dei tanti anni passati fianco a fianco nel lavorare insieme.