Flat Tax, novità per le partita IVA: tutto ciò che c’è da sapere

Ieri 25 ottobre, Giorgia Meloni ha ottenuto la fiducia ed ha promesso la lotta all’evasione fiscale: vediamo nel dettaglio ciò che riguarda la flat tax

Meno tasse da pagare e flat tax ridimensionata: così la nuova Presidentessa del Consiglio ha fatto sapere al popolo italiano dopo aver ottenuto la fiducia. Le prime novità riguardano le partite IVA.

tasse
Calcolo delle tasse (Pixabay)

Giorgia Meloni ha fatto un discorso sulla flat tax da ridimensionare e sulla lotta fiscale a partire dalle novità che riguardano le partite IVA. Innanzitutto c’è la volontà di estendere i beneficiari portando la soglia fino a 100mila euro e poi introducendo la tassa piatta incrementale. La flat tax è stato uno dei punti cardine del centrodestra, qualcosa cui il centrosinistra si è invece opposto.

Secondo quanto anticipato dal Sole24Ore, è molto probabile che l’estensione della platea di beneficiari della tassazione con aliquota fissa al 15% sarà introdotta a step. Innanzitutto, l’idea è quella di partire da alzare la platea di beneficiari alle partite IVA con ricavi e compensi fino a 85.000 euro a partire dal 2023 e poi estendere la platea fino ai 100.000 euro dal 2024.

Flat Tax, le promesse di Giorgia Meloni e il sistema scalare

Giorgia Meloni - Foto di Ansa Foto
Giorgia Meloni – Foto di Ansa Foto

Per far fede alle sue promesse elettorali, Giorgia Meloni ha dimostrato la volontà di introdurre la tassa piatta incrementale, valida solo sull’aumento dei redditi dichiarati. La novità riguarda il periodo preso in considerazione: mentre in campagna elettorale ha parlato di triennio precedente, adesso viene presa in considerazione l’annualità precedente. Quanto ideato dalla Presidentessa del Consiglio servirebbe anche a combattere l’evasione fiscale che sembra non essere un problema in decadenza, tutt’altro. L’idea del sistema scalare è indubbiamente da accreditare al Governo Draghi che lo elaborò nella delega fiscale insieme all’esecutivo.

I vantaggi sono numerevoli, a partire dal fatto che il costo della misura è limitato ed ha già ottenuto il bollino dalla Ragioneria generale. Il progetto della Meloni è chiaro: lei vuole sostenere tutti coloro hanno volontà di fare impresa sul territorio italiano e vuole che l’esecutivo agevoli e sostenga queste personalità.