Il Collegio, quanto guadagnano i ragazzi? Lo svela un’ex protagonista

Qual è il cachet dei ragazzi che hanno partecipato a Il Collegio? A rivelarlo è un’ex protagonista che non si nasconde

Il reality show dei ragazzi che li vede catapultati a epoche passate è molto amato dal pubblico e negli anni, tra di loro, sono emerse vere e proprie celebrità. Tra TikTok e altri reality, il format di Rai Due ha lanciato grosse promesse.

Il Collegio
Cambio di programma per il reality della Rai (via Facebook)

Dal 2017, il Collegio è diventato un programma cult di Rai 2 che ospita una dozzina di ragazzi che vengono scelti e catapultati in un’epoca diversa da quella che quotidianamente vivono. Tra questi sono passati tanti talenti che adesso vivono di cinema, teatro, TikTok o reality show. Jenny De Nucci, George Ciupilan, Nicole Rossi sono soltanto alcuni degli esempi più conosciuti del reality stesso.

Proprio l’ex concorrente di Pechino Express ha commentato la sua esperienza ed ammesso il cachet che Il Collegio prevede per i suoi collegiali: “Essendo un docu-reality, loro non vogliono che tu vada lì per qualche interesse economico, quindi mettono a tuo servizio solo un rimborso spese che consiste in 50 euro a settimana. Al di fuori de Il Collegio, la televisione è comunque un lavoro, fatevene una ragione”. Queste cifre sono state confermate anche da altri ex collegiali, tra cui Beatrice Cossu, che parla di 50 euro a puntata e di 200 euro totali a fine riprese e Giulia Scarano, del Collegio 5 che essendo stata 34 giorni, ovvero per tutto il programma, ha ricevuto 230 euro di rimborso.

Il Collegio, tra realtà e finzione: cosa c’è di vero?

(Instagram)

Nicole Rossi ha svelato qualche aneddoto sulla sua vita all’interno de Il Collegio rispondendo alla curiosità dei telespettatori sulla realtà o finzione del programma: “Non è recitato, non ho interesse nel dirvi delle bugie. Mi dà fastidio e ne parlo ancora perché è stata un’esperienza fighissima e odio che qualcuno provi in continuazione a sminuirla o banalizzarla. Se vedete che ci sono dei cretini, è perché sono loro cretini, non perché recitano un copione”.

Tuttavia, è anche vero che, come confermò un ex allievo del Collegio, Adriano Occulto, molti dei partecipanti sono abituati alle telecamere ed ai riflettori perché parte di agenzie pubblicitarie e di moda.