Audio di Berlusconi su Zelensky, Meloni: “Ue-Nato caposaldi, chi non è d’accordo fuori dal governo”

"La mia posizione personale e quella di Forza Italia non si discostano da quella del governo italiano, dell'Unione europea, dell'Alleanza atlantica", dichiara il Cav.

Giorgia Meloni - Foto di Ansa Foto
Giorgia Meloni – Foto di Ansa Foto

Su una cosa sono stata, sono e sarò sempre chiara” tuona Giorgia Meloni in una nota. “Intendo guidare un governo con una linea politica estera chiara e inequivocabile. L’Italia è a pieno titolo, e a testa alta, parte dell’Europa e dell’Alleanza Atlantica. Chi non fosse d’accordo con questo caposaldo non potrà far parte del governo, a costo di non fare il governo”. 

La presidente di Fratelli d’Italia risponde così, dopo 24 ore di riflessione, alle dichiarazioni di Silvio Berlusconi sulla sua amicizia con Vladimir Putin e nell’ulteriore audio registrato alla riunione di martedì diffuso da LaPresse.

Meloni: “Italia mai anello debole dell’Occidente”

L’Italia con noi al governo non sarà mai l’anello debole dell’Occidente, la nazione inaffidabile tanto casa a molti nostri detrattori. Rilancerà la sua credibilità e difenderà i suoi interessi. Su questo chiederò chiarezza a tutti i ministri di un eventuale governo. La prima regola di un governo politico che ha un forte mandato dagli italiani è rispettare il programma che i cittadini hanno votato”. 

Berlusconi ritratta: “Ho dovuto ribadire l’ovvio”

Intanto il nuovo audio choc con le parole di Silvio Berlusconi sull’Ucraina alimenta le tensioni nella maggioranza, proprio nelle ore precedenti al via alle consultazioni al Quirinale. Il Cav ritratta il suo intervento: “In 28 anni di vita politica la scena atlantica, l’europeismo, il riferimento costante all’Occidente come sistema di valori e di alleanze tra Paesi liberi e democratici sono stati alla base del mio impegno di leader politico e di uomo di governo. Come ho spiegato al Congresso degli Stati Uniti, l’amicizia e la gratitudine verso quel Paese fanno parte dei valori ai quali fin da ragazzo sono stato educato da mio padre. Nessuno, sottolineo nessuno, può permettersi di mettere in discussione questo”, scrive in una nota.

La mia posizione personale e quella di Forza Italia non si discostano da quella del governo italiano, dell’Unione europea, dell’Alleanza atlantica né sulla crisi ucraina né sugli altri grandi temi della politica internazionale. Lo abbiamo dimostrato in decine di dichiarazioni ufficiali, di atti parlamentari, di voti alle Camere”, ha aggiunto Berlusconi nella nota, sottolineando di aver dovuto “ribadire l’ovvio” dopo le dichiarazioni audio diffuse. “La colpa non è degli organi di informazione, ovviamente costretti a diffondere queste notizie, è di chi usa questi metodi di dossieraggio indegni di un Paese civile”.