Caro bollette, adesso c’è la soluzione: arriva il bonus gas

Una buona notizia per coloro che hanno visto la bolletta sfiorare le stelle: arriva il bonus gas per chi ha i requisiti

Finalmente è arrivato un modo per risparmiare sulle bollette che rappresentano una grande preoccupazione tra gli italiani, nonché un tema di estrema attualità su cui si sta lavorando. Ecco come procedere.

BONUS GAS 19102022 inews24.it
(@Pixabay)

L’incremento del prezzo in bolletta per l’energia elettrica ed il gas è diventato tema principale di discussione, nonché fonte di grande preoccupazione per gli italiani, a partire dai nuclei familiari fino alle attività che hanno visto arrivare bollette da spavento. Già un anno fa, l’incremento del 5% aveva fatto sollevare Asso Lombarda sulla questione, quest’anno, poi, si è registrato un aumento del 700% del prezzo, il che ha reso necessario l’erogazione di un bonus bollette.

Riuscire a pagare le bollette ad un costo contenuto sarà finalmente possibile, anche se non per tutti. Si tratta di una legge regionale, infatti, varata il 23 agosto 2022 della Regione Basilicata che prevede un contributo a fondo perduto per l’erogazione del gas gratis. Vien da sé che a titolo gratuito è soltanto il costo della materia prima, ma ciò non prevede l’azzerarsi dei costi relativi a oneri di trasporto e tasse.

Bonus gas, si estenderà in tutta Italia?

Bollette luce e gas in calo (ANSA)

In molti hanno creduto che la Regione Basilicata potesse fare da apri pista e dare uno slancio alle altre Regioni d’Italia, se non il Governo centrale stesso. Tuttavia, fin qui non si hanno notizie in merito a decisioni simili, pertanto sarà la sola Basilicata ad erogare questo tipo di servizio. Facendo una stima, secondo alcune fonti, l’azzeramento del costo della materia prima porterebbe la bolletta ad un calo del 50% e quindi dimezzarsi. Non roba da poco se si considerano i prezzi fin qui visti sulle bollette degli italiani.

Per poter avere questo tipo di beneficio, per coloro che sono residenti in Basilicata, basterà inoltrare questa settimana la domanda accedendo con SPID al sito internet della Regione stessa attraverso un contratto di erogazione di gas, cui risulta intestato un PDR, nonché un punto di rilascio per i consumi familiari e per l’utenza domestica della prima casa.