Bufera su Fiorello, arriva un attacco inatteso: “Uno sfregio al nostro impegno quotidiano”

Bufera su Fiorello, arriva un attacco inatteso: “Uno sfregio al nostro impegno quotidiano”. Per la prima volta è messo in discussione

Il Festival di Sanremo 2022 è stata anche l’ultima occasione ufficiale per vedere Fiorello in tv, ma solo per una sera. Ma ora sappiamo che tornerà, per la felicità del suo pubblico, anche se non tutti sembrano contenti.

Bufera su Fiorello, arriva un attacco inatteso (LaPresse)

La bomba è esplosa qualche giorno da: dal 7 novembre sarà su RaiPlay con Aspettando Viva Asiago 10. E tre settimane dopo, dal 28 novembre, il suo programma mattutino Viva Asiago 10 sbarcherà ufficialmente su Rai 1 così come su Radio2 e RaiPlay. Non è ancora chiaro cosa farà e cosa succederà, ma è chiaro che ai giornalisti della Rai tutto questo non sta bene.

Lo dimostra il duro comunicato pubblicato oggi dal Cdr della testata giornalistica. “Il Comitato di redazione del Tg1 – si legge – esprime tutto il suo sconcerto e la sua totale contrarietà nell’apprendere del possibile approdo di un programma satirico di intrattenimento, guidato da Fiorello, al posto di quasi un’ora di programmazione gestita dal Tg1, nello specifico Tg1 Mattina”.

Bufera su Fiorello, arriva un attacco inatteso: i giornalisti di Rai 1 sul piede di guerra

Ci sono molte cose che non tornano, almeno secondo il Cdr. “All’azienda come Cdr del Tg1 chiediamo: il Consiglio di Amministrazione della Rai è stato informato di tale cambiamento? I suoi componenti hanno tutti condiviso questa scelta? Noi come Cdr della redazione del TG1 sottolineiamo la battaglia fatta per ottenere quegli spazi e lo sforzo enorme compiuto da tutti noi sul mattino, impegnandoci su un lavoro di ripensamento e valorizzazione di quella fascia”.

Lo spazio che prenderà il programma di Fiorello sarà tagliato all’informazione del Tg1 e per questo il Cdr chiede se non sia possibile spostarlo dopo le 9 di mattina. Anche perché in realtà si tratta di uno show comico e satirico, con diverse ospiti che peseranno sui conti della Rai.

fiorello
Rosario Fiorello (ANSA)

La chiusura è durissima: “Come Cdr siamo consapevoli che questa decisione semplicemente non può essere accettata, né tantomeno imposta, e rappresenta uno sfregio al nostro impegno quotidiano. Ci riserviamo di mettere in campo tutte le opportune forme di protesta”. L’azienda per ora non replica e non lo da nemmeno Fiorello, ma tanto basta per scatenare la polemica.