Recluso per 35 anni in carcere: è appena uscito grazie al noto programma TV!

Dopo 35 anni di reclusione in carcere è riuscito ad uscire grazie ad un programma TV: la storia incredibile di un uomo di appena 50 anni

Quando è stato sbattuto in prigione aveva appena 18 anni, insieme ad altre due persone di 20 e 22 anni. Adesso hanno tutti superato i 50, ma non potranno mai dimenticare i 35 anni vissuti dietro le sbarre in prigione.

35 anni carcere 17102022 inews24.it
(@Pixabay)

Tutto ha avuto inizio il 21 settembre 1986 a sul lato sud-ovest di Chicago in un incendio cui sono morti due fratelli, Julio Martinez e Guadalupe Martinez. Le accuse sono ricadute su John Galvan, Arthur Almendarez e Francisco Nanez che sono stati condannati all’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale e con la possibilità di essere condannati a morte. I tre hanno vissuto per 35 anni in carcere per un reato che non hanno mai commesso: uno dei tanti casi che si aggiunge alla lunga lista di volte in cui, nel dipartimento di polizia di Chicago, vengono costretti complici a false confessioni in particolare da parte dei giovani BIPOC che usano violenza, minacce e intimidazioni.

I tre, infatti, furono condannati per omicidio di primo grado e incendio doloso aggravato dopo aver ammesso alla polizia di aver lanciato una bottiglia di molotov accesa grazie ad una sigaretta. Le dichiarazioni parvero da subito poco credibili, soprattutto perché John Galvan e gli altri dichiararono di aver sottoscritto le accuse della polizia a seguito ad abusi fisici. Ma è stato proprio lo stesso Galvan ad aver svoltato il suo stesso destino.

Mythbusters salva la vita a tre innocenti: l’incredibile storia di 35 anni di carcere

Mythbusters 17102022 inews24.it
(@Facebook)

Durante una delle solite giornate in prigione, John Galvan stava guardando in TV un programma statunitense d’intrattenimento e divulgazione scientifica, Mythbusters (conosciuto con il nome Miti da sfatare in Italia). Durante la puntata, i due esperti di effetti speciali Adam Savage e Jamie Hyneman hanno dimostrato che accendere una molotov con una sigaretta non era possibile. Un team di ricercatori analizzò lo stesso argomento provando ad appiccare l’incendio con una sigaretta per ben 2.000 volte con scarsi risultati.

Grazie alla dimostrazione degli esperti del team ed alcune testimonianze sulle violenze esercitate dall’ufficiale di Polizia per estorcere le confessioni, i legali di Galvan sono riusciti ad ottenere la sua scarcerazione dopo 35 anni di prigionia.