Netflix, rivoluzione davvero epocale: “Sarà difficile farlo”. Utenti sbigottiti

Netflix è pronta a stupire tutti con una vera e propria rivoluzione. Infatti a breve sarà difficile farlo: gli utenti non ci possono credere.

Sono ore di grande fermento per la piattaforma di streaming video più famosa al mondo. In queste ore infatti è pronto il lancio di un piano che ha come missione quello di recuperare gli utenti. La grande novità però non permetterà di farlo.

Netflix
Come cambia la piattaforma di streaming video (Via WebSource)

L’attesa comunicazione finalmente è arrivata con Netflix pronta ad introdurre finalmente il piano base con pubblicità. Il nuovo abbonamento, che prevede le interruzioni pubblicitarie durante la visione, sarà disponibile in Italia dal 3 novembre, alle 17. Il suo costo sarà di 5,49 euro al mese, rispetto ai 7,99 euro del piano Base tradizionale. Già ad aprile di quest anno la piattaforma di streaming video aveva annunciato l’arrivo del nuovo piano tariffario. L’obiettivo di questo abbonamento è quello di recuperare degli abbonati.

Solo tra gennaio e marzo la perdita è di stata di 200 mila abbonati, cosa che aveva provocato un drastico calo in Borsa. Inoltre questo calo aveva portato la compagnia ad intervenire e impedire la condivisione della password di uno stesso abbonamento, oltre che a licenziare 150 dipendenti per tagliare i costi. Ma queste misure non sono servite a niente visto che le cose sono peggiorate tra aprile e giugno, quando Netflix ha registrato la perdita di un altro milione di abbonati. Per questo alla fine il colosso ha voluto ricorrere a questo nuovo tipo di abbonamento.

Netflix, non sarà possibile saltare le pubblicità: le novità del nuovo abbonamento

Netflix
Cosa comprende il nuovo abbonamento della piattaforma streaming (via Pixabay)

Netflix ha quindi introdotto il nuovo tipo di abbonamento con pubblicità si aggiunge ai piani tradizionali Base, Standard e Premium ed è disponibile in 12 paesi (Australia, Brasile, Canada, Corea, Francia, Germania, Giappone, Italia, Messico, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti). Rispetto ai piani originali viene introdotta una media di 4-5 minuti di interruzioni pubblicitarie all’ora. Invece un determinato numero di film e programmi televisivi non sarà disponibile a causa di restrizioni legate alle licenze.

Al momento del lancio, le pubblicità avranno una durata di 15 o 30 secondi e saranno inserite prima e durante le serie e i film. Queste non potranno essere saltate dall’utente. Inoltre chi attiverà questo abbonamento non potrà scaricare i titoli, perché questo comporterebbe la possibilità per chi guarda di saltare la pubblicità. Dopo il grande calo di utenti registrato in questo 2022, quindi, anche Netflix come i rivali del settore si è affidato ad un abbonamento più economico, che però potrà usufruire dei proventi delle pubblicità durante la visione di un contenuto.