Governo, il giorno della tregua tra Berlusconi e Meloni: oggi l’incontro tra i due leader

"Si mettano l'anima in pace: siamo qui per risollevare la nostra Nazione. Sarà un percorso pieno di ostacoli, ma daremo il massimo. Senza mai arrenderci", dichiara Meloni.

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi - Foto di Ansa Foto
Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi – Foto di Ansa Foto

Oggi pomeriggio Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi si incontreranno per trovare un accordo, dopo il voto per la presidenza del Senato dei giorni scorsi.

La leader di Fratelli d’Italia risponde alle dichiarazioni del centrosinistra, secondo cui il centrodestra sarebbe già diviso: “Si metta l’anima in pace: siamo qui per risollevare la nostra Nazione”. 

Dopi una serie di contatti telefonici con Berlusconi, pare ci siano le premesse per una tregua, che potrebbero essere sancite oggi, lunedì 17 ottobre, alle 16, negli uffici di Fratelli d’Italia a via della Scrofa.

Governo: clima disteso grazie a Gianni Letta e La Russa

Il clima si è disteso grazie all’intermediazione di Gianni Letta, che ieri è andato ad Arcore e grazie al presidente del Senato Ignazio La Russa. Al centro della discussione ci sono però ancora i ministeri.

La spartizione dei ministeri

Il punto di caduta alla fine potrebbe trovarsi alla Giustizia. Meloni per questo dicastero pensa a Carlo Nordio ma secondo alcuni rumors, ci sarebbero margini di trattativa. In alternativa Berlusconi sarebbe pronto ad proporre l’Interno, con una figura di alto profilo, o il Mise, che però è uno dei ministeri chiave per la premier in pectore. In ultima istanza, Forza Italia chiederebbe un ministero in più di quelli della Lega.

I dicasteri finora attribuibili a Forza Italia sarebbero gli Esteri (per Antonio Tajani) ed altri tre. In ogni modo l’esito della trattativa dovrà poi incastrarsi con le richieste della Lega, che pare non voglia rinunciare al Viminale e si sarebbe assicurata il Mef con Giancarlo Giorgetti (a meno che non si ricorra alla scelta di Fabio Panetta).

Governo, Meloni risponde al centrosinistra

Si mettano l’anima in pace: siamo qui per risollevare la nostra Nazione. Sarà un percorso pieno di ostacoli, ma daremo il massimo. Senza mai arrenderci”, ha scritto Meloni criticando gli “attacchi scomposti della sinistra, un vero e proprio insulto ai cittadini che hanno scelto da chi essere rappresentati”.