Ora solare 2022, cambia ancora tutto: arriva la sorpresa per gli italiani

Ora solare 2022, cambia ancora tutto: arriva la sorpresa per gli italiani. Sono giorni decisivi per una svolta epocale nel Paese

Gli ultimi due anni, tra pandemia e guerre, hanno cambiato profondamente le abitudini anche degli italiani. Ma altre rivoluzioni stanno per arrivare una bussa alle porte. Perché il 30 ottobre dovremo tutti tornare all’ora solare, spostando le lancette indietro. Al momento però non è così certo che succederà e c’è un motivo.

Ora solare 2022, cambia ancora tutto (ANSA)

Il caro energia sta pesando come un macigno sulle casse degli italiani (e non solo, è un problema comune in tutta Europa). E per questo molti governi sono tornati ad interrogarsi sull’opportunità di cancellare l’ora solare, mantenendo tutto l’anno invece l’ora legale. Al mattino ci sarà più luce, la sera un po’ meno ma intanto la giornata lavorativa di molti italiani volgerà al termine.

La proposta di abolire l’ora solare, mantenendo l’ora legale per tutto l’anno, andrebbe a pareggiare quello che accade nei paesi nordici ma anche in Francia. I tempi però come potete ben immaginare sono molto stretti perché il nuovo esecutivo comincerà a lavorare dopo il 15 ottobre.

Ora solare 2022, cambia ancora tutto: i tempi per una decisione sono stretti

Secondo i calcoli di Terna, nel periodo tra fine marzo e fine ottobre (quando entra l’ora solare) degli ultimi 15 anni è stato calcolato un risparmio pari a 10 miliardi di kilowattora. In concreto, per la tasche degli italiani significa 1,8 miliardi di euro. E nel 2022 lo Stato italiano ha risparmiato poco meno di 200 milioni di euro. Inoltre sono anche diminuite in modo considerevole le emissioni di CO2 dovute all’uso dell’elettricità.

Questo significa che nella notte tra il 29 e il 30 ottobre 2022 non passeremo all’ora solare, mantenendo l’ora legale? Ancora presto per dirlo anche se il tempo per prendere una decisione ufficiale stringe.

Cambio ora
Si va verso il passaggio definitivo all’ora legale (ANSA)

Una prima risposta era arrivata tra il 2018 e il 2019. Allora la Commissione Europea aveva fatto effettuare un sondaggio tra più di 5 milioni di europei. La maggioranza assoluta aveva scelto di abolire l’ora solare, con un ampio margine. E così nel 2019 il Parlamento europeo aveva approvato una risoluzione legislativa per sancire l’abolizione del cambio dell’ora a partire dal 2021. Ora la palla passa ai singoli governi, compreso il nostro.