Gigi Proietti, incredibile retroscena a 2 anni dalla sua morte: ma com’è possibile?

Dopo due anni dalla sua morte, Gigi Proietti non avrebbe ancora trovato sepoltura nel Cimitero Monumentale del Verano: la sua salma si troverebbe attualmente ancora in Umbria, a Porchiano del Monte, accanto ai genitori.

Dopo ottanta anni vissuti all’insegna dell’arte in tutte le sue sfaccettature, Gigi Proietti si è spento il 2 novembre 2020 per problemi cardiaci. L’attore ha lasciato un’eredità immensa nella cultura italiana, a partire dagli spettacoli teatrali di cui è stato mattatore dagli anni ’70, la televisione dove è sbarcato negli anni ’80 ed il Globe Teatre fondato nel 2003.

Un intenso primo piano dell'artista Gigi Proietti, morto nel giorno del suo ottantesimo compleanno per problemi cardiaci (foto Instagram).
Un intenso primo piano dell’artista Gigi Proietti, morto nel giorno del suo ottantesimo compleanno per problemi cardiaci (foto Instagram).

Quando si parla di Gigi Proietti non bisogna dimenticare neanche il suo Laboratorio di Esercitazioni Sceniche per giovani attori. Da questa scuola sono usciti artisti come Flavio Insinna, Gabriele Cirilli, Enrico Brignano e tanti altri. Per omaggiarlo, dopo la sua morte era stata data la possibilità alla famiglia di seppellirlo al Verano.

Gigi Proietti, il calvario per la sepoltura al Verano

Il Cimitero Monumentale Verano, che si estende su un’area di 83 ettari nel territorio romano, è un luogo di sepoltura da almeno venti secoli. È un vero e proprio museo a cielo aperto, dove hanno trovato la pace eterna anche i più illustri artisti della nostra epoca. I familiari di Proietti si stavano dunque prendendo cura del trasferimento della salma.

Nancy Brilli e Gigi Proietti in una scena del film "La vita è una cosa meravigliosa" (foto Instagram).
Nancy Brilli e Gigi Proietti in una scena del film “La vita è una cosa meravigliosa” (foto Instagram).

Il quotidiano La Repubblica, nei primi giorni di ottobre, è tornato ancora una volta a documentare quale sia la reale situazione al Verano. Dopo aver mostrato negli scorsi anni una situazione generale di decadenza, oltre a notizie incredibili di cronaca sul ritrovamento di centomila dosi di cocaina nei loculi del cimitero, sono giunte altri tristi notizie.

Come mai la salma di si trova ancora in Umbria con i genitori?

A fine 2022 nel Cimitero Monumentale del Verano “il dolore si mischierebbe al degrado“. I segni dell’incuria sarebbero aumentati: si vedrebbero cappelle lasciate al buio e lapidi rovesciate, intonaci cadenti e ponteggi sospesi nel nulla. Del resto nello scorso maggio era giunta la notizia della profanazione della tomba di Alfredino Rampi.

Una delle tante bellissime citazioni che riguardano Gigi Proietti (fonte: Instagram).
Una delle tante bellissime citazioni che sono state associate a Gigi Proietti, ma di cui non c’è la certezza che le parole siano state davvero pronunciate dall’artista (fonte: Instagram).

Non ci sarebbe ancora nessuna traccia della cappella di cui il Campidoglio ed Ama avevano dato l’autorizzazione per la costruzione agli eredi Proietti. Sembrerebbe che tutto sia fermo per problemi burocratici. Ci sarebbero numerosi vincoli per la costruzione al Verano, ed i familiari di Gigi non avrebbero ancora nominato un architetto.

Ecco un frammento del film “Un matrimonio“, dove gli amici Gassman e Proietti si trovarono sullo stesso set cinematografico.