Le tasche degli italiani piangono! Aumenti clamorosi sui conti correnti

Arrivano altre notizie davvero tremende per i consumatori ed i cittadini italiani: aumenti anche per quanto riguarda i conti

Lacrime e sangue. Leggendo le varie notizie di natura economico-finanziaria, i cittadini italiani si attendono un periodo durissimo da questo punto di vista.

tasche
Le tasche degli italiani piangolo (Pixabay)

Tutta colpa sia dell’inflazione che ha colpito il paese, così come gran parte dell’Unione Europea. Ma anche del conflitto terribile scoppiato in Ucraina, che ha generato problematiche soprattutto sulle forniture energetiche.

Costi e spese in aumento su tutta la linea. Ma in particolare si registrano anche esborsi più forti del dovuto sul fronte bancario. In aumento infatti i canoni ed i depositi sui conti correnti degli italiani.

Aumenti a dismisura per i correntisti italiani: percentuali in crescita sui depositi

L’indagine della nota rivista finanziaria Altroconsumo, fa sapere infatti che già rispetto all’ultima annata si prevedono aumenti per quanto riguarda i possessori di conti correnti bancari o postali.

Sia che si tratti di conti classici in banca o conti on-line legati ai servizi di internet banking, si prospettano spese in maggiorazione nei prossimi mesi. L’indagine suddetta ha già svelato i primi numeri e dati di prospetto.

conto corrente
Conto corrente (Websource)

Gli incrementi sono partiti già dagli scorsi mesi. +6-7% per i correntisti classici, vale a dire una spesa di circa 150 euro in più a famiglia nell’anno solare 2022. Percentuali simili anche per chi ha il conto on-line, con almeno 40 euro stimati da versare alle casse di risparmio.

L’indicatore dei costi complessivi annui dei conti correnti tradizionali ha fatto registrare un +7% sia per i più giovani che per i pensionati. È stato registrato un incremento negli ultimi sette mesi che va dai 136 euro e 145 euro mentre per le famiglie con media operatività i costi sono cresciuti del 6%, balzando da da 145 a 153 euro.

Tutto ciò non intende frenare o cambiare rotta. Anzi, sempre secondo Altroconsumo il trend finanziario delle spese bancarie è in aumento. Entro la fine dell’anno solare 2022 si prospettano percentuali ancor più gravose e costi su commissioni e depositi verso picchi finora mai raggiunti. Il tutto se, come sembra, il tasso di inflazione statale dovesse restare alto e senza soluzione.