Andrea Roncato, scioccante verità su Stefania Orlando: “Aveva un altro, ecco chi era”

La verità di Andrea Roncato sulla fine del matrimonio con Stefania Orlando: l’attore confessa ciò che è realmente accaduto

Su Andrea Roncato sono state scritte e dette sempre moltissime cose. Un attore con il vizio delle belle donne, un playoboy che spesso ha rovinato relazioni e situazioni sentimentali per via delle sue tentazioni.

Stefania Orlando e Andrea Roncato (websource)

Il comico bolognese però ha anche delle verità nascoste, delle quali ha deciso di parlare recentemente. Anche riguardo una delle sue relazioni più note e chiacchierate: il matrimonio con Stefania Orlando.

I due volti noti della TV italiana convolarono a nozze nel 1999. Ma l’idillio tra Roncato e la Orlando si esaurì nell’arco di un paio di anni. I due sposini non ressero, soprattutto per i numerosi gossip nei confronti di Roncato, come detto giudicato come un rubacuori in giro per l’Italia.

Andrea Roncato e la triste verità sulla fine del matrimonio con Stefania Orlando

Intervistato dal Corriere della Sera, Andrea Roncato ha svelato la verità nuda e cruda sul suo rapporto con Stefania Orlando. In passato si sono dette molte cose sulla fine del loro matrimonio così brusca ed improvvisa.

Si parlò di tradimenti da parte dell’attore bolognese, di brutti giri di persone in cui si era inserito a scopi lavorativi. Ma Roncato ha fatto sapere che alla base del divorzio vi fu ben altro.

Andrea Roncato
Andrea Roncato (@GettyImages)

Stefania aveva un altro. In questa storia non vedo santi né eroi, ci sono rimasto male sì, ma nemmeno più di tanto. Si tradisce con qualcuno, è un cerchio, il conquistatore è pure cornuto e le corna bisogna portarle a testa alta. Non si muore per amore, solo se non si trova un amore per cui vivere”. 

Andrea Roncato ha fatto anche il nome pubblicamente del suo rivale in amore, l’uomo per cui la Orlando decise di lasciarlo: “Stava con Paolo Macedonio, era lui l’altro. Sul momento dissi che era colpa mia, che uscivo troppo la sera, che frequentavo compagnie sbagliate, dove girava la cocaina. Allora scrissero che ero finito nel tunnel della droga, quando mai, è stato un periodo, poi si è chiuso, non bevo alcolici, giusto mezzo bicchiere di Lambrusco”.