Meteo, ritorna l’anticiclone: occhio ancora a qualche insidia

Nel corso di questa domenica vedremo un clamoroso ritorno dell’alta pressione. Secondo le previsioni meteo persisterà solo qualche insidia.

Sarà una domenica sorprendente per la penisola italiana, visto che dopo una settimana caratterizzata dalle piogge tornerà il caldo grazie ad un colpo di quota dell’anticiclone: tutte le previsioni sul paese.

Meteo
Le previsioni sulle regioni italiane (via Pixabay)

Nel corso della prima domenica d’ottobre vedremo un grande ritorno dell’alta pressione, che nonostante ciò dovrà fare i conti con qualche insidia. Vedremo quindi che la fase di tempo prettamente instabile ed autunnale sia giunta all’epilogo. Infatti le regioni italiane hanno attraversato una lunga parentesi contrassegnata dal passaggio di alcune perturbazioni atlantiche che hanno provocato non pochi disagi a causa dei numerosi rovesci, temporali e nubifragi che hanno colpito molte aree del nostro Paese.

Ad ovest quindi si sta avvicinando a grandi passi l’anticiclone delle Azzorre che già nel corso del giorno di festa mostrerà con fermezza le sue serie intenzioni di riportare sul nostro Paese scenari ben diversi da questi ultimi giorni. Tuttavia, come anticipato, ci saranno alcune insidie con le quali dovrà fare i conti l’alta pressione. Stiamo quindi parlando di deboli e residue infiltrazioni d’aria umida in risalita dal Tirreno, che provocheranno qualche disturbo. Scopriamo quindi tutti i dettagli sulle prossime 24 ore.

Meteo, arriva l’Ottobrata: occhio a qualche nota instabile

Meteo
Come cambia la situazione meteorologica sulla penisola italiana (Via Pixabay)

La giornata di domenica quindi trascorrerà all’insegna dell’atmosfera tranquilla per tutti con cieli in prevalenza poco nuvolosi su gran parte del Paese e in un contesto climatico via via più mite e gradevole. Faranno tuttavia eccezione le aree del medio e alto Tirreno, dalla Liguria fino alla Toscana e parte del Lazio, dove nel corso della giornata saranno spesso presenti nubi irregolari, ma che difficilmente potranno dar luogo a fenomeni di rilievo. Vediamo nel dettaglio cosa succederà sui tre settori principali.

Sulle regioni del Nord Italia avremo cielo poco nuvoloso al mattino salvo qualche velatura e addensamenti pronti a colpire su Alpi orientali e Liguria di levante. Al mattino avremo delle locali foschie al primo mattino lungo il Po. I valori termici risulteranno in ulteriore aumento, con massime che andranno dai 22 ai 27 gradi.

Mentre invece sulle regioni del Centro Italia avremo grande variabilità in Toscana. Altrove ci sarà un cielo sereno o poco nuvoloso, salvo locali nebbie all’alba sui fondovalle appenninici. Anche qui vedremo le temperature massime in rialzo, con massime che oscilleranno dai 23 ai 26 gradi.

Infine sulle regioni del Sud Italia avremo al mattino una residua instabilità sulla Sicilia tirrenica. Altrove invece la situazione risulterà leggermente migliore con generali ampie schiarite. I valori termici saranno ancora una volta in aumento, con valori massimi che andranno dai 23 ai 28 gradi.