Schumacher, purtroppo è arrivata la conferma: tutto finito

Schumacher, purtroppo è arrivata la conferma: tutto finito. La notizia ha colpito veramente l’intero mondo della Formula 1

Secondo le ultime indiscrezioni provenienti dal paddock, è sempre più distante la conferma del figlio Mick con il team Haas. Il classe ’99 rischia di essere escluso dal Circus nel 2023.

Addio Schumacher
Michael e Mick Schumacher (foto di Inews24.it)

Uno Schumacher in Formula 1 è sempre una cosa gradita per gli appassionati. Michael ha semplicemente fatto la storia di questo sport, vincendo sette titoli mondiali (di cui cinque consecutivi con la Ferrari, e ha attaccato la sua passione anche al figlio Mick. Da due anni, il campione della F2 2020, ha gareggiato con la Haas nella classe regina. Dopo un primo campionato di apprendistato, al fianco di Mazepin, nel 2022 il suo rendimento è cresciuto di gran lunga, rendendo di certo orgoglioso anche papà Michael. La scuderia guidata da Günther Steiner è migliorata nelle prestazioni, grazie anche agli sviluppi provenienti dalla Ferrari (power unit e non solo). Magnussen è stato confermato per il 2023, dopo il brillante rientro in Formula 1 quest’anno. Resta da capire chi lo affiancherà, anzi sentendo quando dichiarato dalla Bild, la scelta sarebbe già stata effettuata. Nico Hulkenberg sarebbe il prescelto per prendere il posto di Mick Schumacher. Ciò significa che la sua avventura in F1 è finita.

Mick Schumacher, la Haas lo scarica: al suo posto ci sarà Hulkenberg nel 2023

Mick Schumacher
Mick Schumacher (AnsaFoto)

Il pilota cresciuto nella Ferrari Driver Academy rischia così di ritrovarsi senza un sedile per la prossima stagione. Accostato prima alla Alpine (che invece prenderà Gasly con Ocon) e poi alla McLaren (che ha optato per Piastri al posto di Ricciardo), Schumi Jr. è ad un bivio della carriera. L’esperienza di Hulkenberg, secondo la stampa tedesca, potrebbe tornare utile per sviluppare il potenziale della Haas. Il 35enne è il principale candidato al sedile del team americano anche secondo le fonti di Espn.

Dopo 181 GP disputati in F1 (anche quest’anno al posto di Vettel in Aston Martin, quando era malato di Covid) Nico non vede l’ora di rimettere piede in pista. A livello ufficiale ancora non ci sono state dichiarazioni da parte di Steiner e dei suoi uomini. Il team principal, durante il venerdì di Singapore, si è trincerato dietro un: “Aspettiamo ancora un po’ per non prendere una decisione sbagliata”. Purtroppo per Mick le ore sembrano contate, la sua storia in top class rischia di essere finita.