“La Rai non mi fa più lavorare”, è addio? Icona di Sanremo esce allo scoperto

Un fulmine a ciel sereno si abbatte sulla TV di Stato con un’accusa pesantissima alla Rai: qual è adesso la verità?

Una rivelazione che nessuno poteva aspettarsi, lui è un volto amatissimo della TV di Stato -e non solo- ed è uscito allo scoperto visto e considerate le tante domande ricevute a tal proposito. Quanto è accaduto con la Rai ha dell’incredibile.

Canone Rai
(via WebSource)

Nessuno poteva mai immaginarsi un epilogo del genere, eppure quanto è emerso dall’intervista di Beppe Vessicchio a Il Fatto Quotidiano è sconcertante. Il maestro partenopeo lavora alla corte della Rai da anni immemori, lui stesso ricorda: “Ho composto le musiche della trasmissione ‘La prova del cuoco’ fin dalla prima edizione. Tutta la produzione musicale e le registrazioni che sono state utilizzate in quel programma (a partire dalla sigla che divenne un vero “tormentone”), è stata da me interamente realizzata e in piena autonomia”.

Tuttavia, adesso, dalla rete di Viale Mazzini non gli hanno ancora accordato il pagamento da lui richiesto: “È scattata una clausola (“deterrente”, la chiamo io) secondo la quale chi ha contenziosi con la Rai non può avere contratti in essere diretti con l’azienda. L’ufficio legale è intervenuto sull’ufficio scritture artistiche ponendo uno stop alla mia presenza”.

Beppe Vessicchio non può più lavorare in Rai: un contenzioso non glielo permette

Sanremo 2022
Beppe Vessicchio (@Twitter)

Niente più punti al Fanta Sanremo, niente più acclamazione dal pubblico quando a dirigere l’orchestra è il maestro Beppe Vessicchio, per i fan affezionati al simpatico direttore d’orchestra sarà una vera e propria mazzata. Al momento, il maestro di musica partenopeo non può accostarsi a nessun programma Rai proprio per questo contenzioso in sospeso con la Rai, motivo per cui sarà difficile se non impossibile vederlo in programmi della rete. Un gran peccato per la stessa Rai, indubbiamente, visto e considerato il successo che il maestro ha raccolto negli anni come personaggio pubblico.

Vessicchio ha tutte le intenzioni di andare fino in fondo: “Ho paura di scoperchiare un ‘vaso di Pandora’. Credo siano in molti a trovarsi nelle mie stesse condizioni. Conosco chi questi diritti li ha incassati e anche chi non li ha mai visti. Intendo andare avanti fino in fondo a questa faccenda, nonostante io sia un ‘pesce piccolo’; rispetto ad altri potrei più facilmente temere le conseguenze dettate dalla lunghezza e dai costi di un iter giudiziario nonché dalla perdita di contratti. Desidero che la verità venga fuori: se avevo torto o meno non deve deciderlo la Rai”.