Panico all’aeroporto di Milano: Belen chiede aiuto alla polizia

Belen sembrerebbe aver seminato caos all’aeroporto di Milano Linate, arrivando anche a chiedere aiuto alla polizia. Ecco perchè la soubrette si sarebbe innervosita moltissimo arrivando a chiamare le forze dell’ordine.

Da quando Belen è tornata di nuovo insieme a Stefano De Martino, indubbiamente è più felice e rilassata. La soubrette, che tiene sempre aggiornati i suoi ammiratori attraverso i social network, ha annunciato l’imminente partenza con la figlia Luna Marì. Sembrerebbe che l’argentina abbia deciso di concedersi del tempo sola con sua figlia.

Belen Rodriguez baciata dal sole a Posillipo: il 15 settembre avrebbe chiamato la polizia in aeroporto (foto Instagram).
Belen Rodriguez baciata dal sole a Posillipo: il 15 settembre avrebbe chiamato la polizia in aeroporto (foto Instagram).

Quando il 15 settembre la showgirl è arrivata all’aeroporto di Milano Linate, la situazione sarebbe velocemente degenerata. Mentre Belen procedeva all’imbarco fotografando anche sua figlia, avrebbero iniziato a seguirla diversi paparazzi. La conduttrice de Le Iene non ha voluto nascondere il suo fastidio per quello che stava succedendo.

Belen chiede aiuto alla polizia: che cosa è successo

Secondo il racconto di The Pipol Gossip, Belen avrebbe chiesto esplicitamente ai paparazzi di lasciarla stare. Si sarebbe dunque ingaggiata una discussione con i fotografi, che invece hanno sottolineato che stavano solo facendo il loro lavoro. La soubrette ha dunque iniziato a dire che in aeroporto non potevano farle nessuna foto.

La soubrette Belen in aereo con la figlia Luna Marì (foto Instagram).
La soubrette Belen in aereo con la figlia Luna Marì (foto Instagram).

Belen era molto convinta di quello che stava dicendo: è anche andata a chiedere aiuto alla polizia. Quando gli ha chiesto di confermare che non potevano fotografarla in aeroporto ha avuto una brutta batosta: la polizia ha dato ragione ai paparazzi. La conduttrice non ha scritto nulla riguardo questa vicenda sui social, mostrandosi in aereo con Luna Marì.

Perchè la soubrette sostiene che non si può fotografare in aeroporto?

La giurisprudenza definisce l’aeroporto come un luogo privato aperto al pubblico. Quando si scatta una foto ad una persona, può capitare che venga chiesto subito di cancellarla o non venga dato il consenso allo scatto. Se ci si dovesse opporre, si rischierebbe di essere accusati del reato di molestie o disturbo alle persone. Le pene possono essere la detenzione fino a sei mesi oppure l’ammenda fino a 516 euro. Non è questo però il caso di Belen.

Milano Linate, Belen ritrae sua figlia Luna Marì circondata dai bagagli: poco dopo aver scattato questa foto chiamerà la polizia (fonte: Instagram).
Milano Linate, Belen ritrae sua figlia Luna Marì circondata dai bagagli: poco dopo aver scattato questa foto chiamerà la polizia (fonte: Instagram).

La soubrette di Mediaset, infatti, è un personaggio pubblico. Bisogna quindi fare riferimento all’articolo 97 della legge sul diritto d’autore ed anche al diritto di cronaca. Si può dunque scattare una foto ad un personaggio famoso in luoghi chiusi aperti al pubblico, come un aeroporto, e poi pubblicarla. Tutto questo senza dovergli chiedere il consenso.

Ecco il racconto sulla vicenda che ha visto coinvolta Belen all’aeroporto di Linate da parte di The Pipol Gossip: