“È scoppiata una rissa”, scherzo finito male: epilogo terribile per Enrico Papi

Enrico Papi è sempre in mezzo ai guai e questo fa parte della sua professione: adesso c’è una rissa di cui lui stesso parla

L’amatissimo e divertentissimo conduttore ha parlato in un’intervista di una rissa che l’ha visto protagonista. Cos’è successo realmente? Per i tanti fan che lo seguono, ben presto sarà pronta la testimonianza di quanto accaduto.

Enrico Papi 13092022 inews24.it
(@Instagram)

Enrico Papi finalmente torna su Canale 5 a partire da domenica 18 settembre con Scherzi a Parte. L’attesissimo appuntamento vedrà tra i protagonisti di questa stagione Nicolas Vaporidis, Veronica Gentili, Marcell Jacobs, Roberto Giacobbo, Federico Fashion Style, Ricky Tognazzi e Simona Izzo, Iva Zanicchi e Aldo Montano. Oltre tutte queste celebrità, ce ne saranno molte altre che faranno da complici per Enrico Papi che è tornato più spietato che mai.

A raccontare della nuova stagione è lo stesso conduttore su TV Sorrisi e Canzoni: “Quest’anno abbiamo avuto un po’ più imprevisti del solito. Alcuni scherzi sono saltati o sono stati rimandati perché il personaggio non è arrivato, nonostante l’aiuto di un complice. Oppure i classici imprevisti: hai posizionato tutto, microfoni, microcamere, parte il segnale per registrare e dalla regia non si vede niente”.

Scherzi a Parte, quest’anno un “intoppo” particolare per Enrico Papi

Scherzi a Parte
Scherzi a Parte (Foto: Facebook)

Solange Savagnone su TV Sorrisi e Canzoni ha strappato un aneddoto molto particolare da Enrico Papi per la prossima edizione di Scherzi a Parte: “C’è stata una rissa. Una star è uscita talmente fuori di testa che non riuscivano a controllarla neanche gli amici. Inoltre, capita spesso che le vittime chiamino la polizia e noi dobbiamo avvertire le forze dell’ordine che è tutto finto”. Il conduttore ha anche già eletto il suo scherzo preferito: “La giornalista Veronica Gentili. Lei si definisce una grattar e lo scherzo riguardava un gatto in difficoltà. Diciamo che è venuta fuori al naturale, in tutta la sua romanità”.

Anche Enrico Papi ne ha combinate di marachelle, specialmente da piccolo: “Ero alle medie, avrò avuto 14 anni. Arriva in classe il prof di italiano e mentre va ad appendere il soprabito io corro a riempire la sua sedia di puntine sulle quali si è seduto. Hanno convocato entrambi i miei genitori a scuola”.