Addio a Elisabetta II, Carlo III proclamato nuovo re: “Pagherò le tasse”

Durante il suo discorso, il neo re ha nuovamente ricordato Elisabetta II, definendo il suo regno "senza pari per durata e devozione al servizio".

Regina consorte Camilla, re Carlo III - Foto di Ansa Foto
Regina consorte Camilla, re Carlo III – Foto di Ansa Foto

Carlo III è stato proclamato formalmente re negli appartamenti di St. James, nel complesso di Buckingham Palace, dall’Accension Council, l’istituzione chiamata a certificare nel Regno Unito la successione tra i monarchi.

La cerimonia, celebrata a due giorni dalla morte della regina Elisabetta II, è stata trasmessa per la prima volta in diretta tv. Allo storico evento hanno partecipato il principe di Galles William, erede al trono, la regina consorte Camilla e 250 personalità tra membri del Privy Council.

Re Carlo ha accettato l’atto di proclamazione che certifica la sua successione alla madre, con la firma dei documenti da parte sua e delle altri figure istituzionali, inclusa la regina consorte Camilla. Il principe Carlo Filippo Arturo Giorgio è stato quindi proclamato re Carlo III “per grazia di Dio”, sovrano del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, capo del Commonwealth e difensore della fede.

Re Carlo III, il regno di Elisabetta II “senza pari per durata e devozione”

Durante il suo discorso, il neo re ha nuovamente ricordato Elisabetta II, definendo il suo regno “senza pari per durata e devozione al servizio”, promettendo di nuovo, come ha fatto ieri, di servire con lealtà il popolo e seguendo “i consigli del Parlamento” da monarca costituzionale. Ha anche promesso trasparenza sui conti di corte.

Per tutti noi mia madre era un esempio di servizio senza egoismi. Il regno di mia madre è stato senza precedenti e dobbiamo dimostrare gratitudine. Sono consapevole della grande eredità, doveri e responsabilità che mi lascia e nell’assumermi queste responsabilità combatterò per seguire l’esempio che è stato di mia madre, rispettando i principi costituzionali. Nell’adempiere a questi compiti sarò seguito dal Consiglio del Parlamento. Confermo la mia volontà di continuare la tradizione di pagare le tasse come monarca e assolvere i compiti che mi sono stati affidati”. 

La cerimonia si è svolta in assenza di re Carlo, come da tradizione. Intanto Londra si prepara all’ultimo abbraccio alle spoglie di Elisabetta II. Le esequie solenni si terranno tra dieci giorni, quando sarà giornata di lutto e festa in tutto il Regno.