Assurdo a Venezia. Un turista belga, arrivato all’aeroporto Marco Polo, pensa bene di salire su un motoscafo-taxi, sciogliere gli ormeggi e partire a tutta velocità verso il centro cittadino. L’uomo è riuscito a rubare il mezzo senza che nessuno se ne accorgesse, dirigendosi poi verso il canale di Tessera e poi sul Canal Grande. La motovedetta della polizia municipale ha seguito i suoi movimenti, fino a che le forze dell’ordine hanno fermato l’uomo con le pistole spianate.

turista ruba motoscafo a Venezia

Una volta bloccato, il turista ha candidamente asserito che era munito di regolare biglietto per viaggiare sul mezzo su cui si trovava. Per questo sono in corso verifiche su eventuali problemi mentali dell’uomo. In ogni caso, il turista ha mostrato una certa dimestichezza con i comandi del motoscafo, tanto da riuscire a guidarlo senza particolari difficoltà e a forte velocità lungo i canali veneziani. Solo una volta giunto sul Canal Grande, le forze dell’ordine sono riuscite a bloccare il natante non senza difficoltà. Tanto è vero che, come detto, è stato necessario estrarre le pistole e puntarle verso l’uomo.

Turista ruba motoscafo a Venezia: “Con allerta terrorismo avrebbe subito conseguenze peggiori”

Le forze dell’ordine hanno infatti fatto notare che le conseguenze potevano essere ben peggiori. Qualche tempo fa, quando l’allerta terrorismo era alta soprattutto nelle città d’arte, il turista belga avrebbe potuto subire conseguenze ben peggiori dell’arresto. La corsa del motoscafo è stata immortalata da numerosi video che sono poi, immancabilmente, finiti sui social. Resta ora da capire come l’uomo, una volta sciolti gli ormeggi, abbia potuto mettere in moto il motoscafo e dirigersi a tutto gas verso il centro storico della città lagunare. Le forze dell’ordine stanno ora interrogando l’uomo per ricevere risposte.