Elezioni, “ingerenze di Mosca” nella campagna elettorale: le risposte dei partiti

Letta: "La Lega ha firmato un accordo nel 2017 con Russia Unita, il partito di Putin. Questo accordo deve essere disdetto".

Roberto Cingolani - Foto di Ansa Foto
Roberto Cingolani – Foto di Ansa Foto

La portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova è tornata a parlare dell’Italia con un post: “Roma è spinta al suicidio economico per la frenesia sanzionatoria euro-atlantica”. Il risultato, secondo Mosca, sarà che le imprese italiane “saranno distrutte dai fratelli d’Oltreoceano” poiché le aziende americane oggi “pagano l’elettricità sette volte meno di quelle italiane”. 

Zakharova aggiunge: “Le sanzioni sono diventate uno strumento di concorrenza sleale” contro le aziende italiane e “quando le imprese italiane crolleranno saranno comprate a buon mercato dagli Yankee”. 

A rispondere alla portavoce del Ministero degli Esteri è il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani a Il cavallo e la torre su Rai Tre: “È la logica di un rappresentante di uno Stato totalitario che pensa che si possa imporre a uno Stato qualcosa. Si figuri se l’Italia può seguire gli ordini di qualcuno”. 

Cingolani: “Lavoriamo perché i sacrifici degli italiani siano minimi”

Il ministro aggiunge: “Stiamo lavorando affinché i sacrifici per gli italiani siano minimi“. Ma secondo Mosca il piano italiano per la riduzione della dipendenza energetica “è imposto a Roma da Bruxelles, che a sua volta agisce su ordini di Washington, ma alla fine saranno gli italiani che dovranno soffrire”. 

Ue: “I Paesi lavorano insieme”

Le parole del Cremlino hanno fatto insorgere anche la Commissione europea, che attraverso le parole del suo portavoce afferma che non perderà tempo a commentare “le dichiarazioni folli delle personalità russe”. Bruxelles aggiunge che “c’è un eccellente cooperazione tra Ue e Stati membri sul tema energetico” e che “i Paesi lavorano insieme per rispondere alle sfide create dalle azioni russe”. 

Di Maio: “Chiaro che Mosca sia entrata nella campagna elettorale”

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è duro nei confronti delle affermazioni di Mosca e ritiene che “è chiaro che ormai la Russia ha deciso di entrare direttamente nella campagna elettorale di uno Stato sovrano e sta giocando un ruolo che è chiaramente di ingerenza. Per questo io invito tutte le forze politiche italiane a rimandare indietro queste ingerenze”. 

Parlando della decisione di Mosca di bloccare le forniture di gas, Di Maio dichiara: “Putin sta ricattando l’Europa ed è per questo che l’Italia deve intervenire calmierando le bollette.

Salvini: “All’estero possono dire quello che vogliono”

Il ministro degli Esteri non è il solo ad allertare sulle ingerenze di Mosca nella campagna elettorale italiana. Dmitri Medvedev ha invitato gli europei a “punire” alle urne i loro “governi idioti”. Immediata è la risposta del Pd che attacca “l’ambiguità” della destra che resta in silenzio. Ma Matteo Salvini replica: “Non mi interessano gli insulti dei Dem. Voteranno gli italiani e non i russi, i cinesi o gli eschimesi. All’estero possono dire quello che vogliono, non mi interessa fare polemica col resto del mondo”.

Metta: “Accordo Lega e Russia Unita deve finire”

Enrico Letta, leader del Pd: “La Russia ha deposto la scheda nell’urna. La Lega ha firmato un accordo nel 2017 con Russia Unita, il partito di Putin. Questo accordo deve essere disdetto, se non lo fanno è gravissimo per la sovranità del nostro Paese”.