Addio all’odiato Canone Rai: ora gli italiani sperano

Novità in vista per il tanto odiato Canone Rai, ovvero la tassa obbligatoria che si deve versare ogni anno per la televisione pubblica

La cosa che i cittadini italiani, e non solo, odiano più di qualsiasi altra è certamente pagare bollette e tasse. Spesso i risparmi dei consumatori sono forzatamente destinati a questo tipo di onere.

Canone Rai
Come ottenere il rimborso sulla tassa (Via Screenshot)

Tra le tasse meno apprezzate e capite dai cittadini spicca sicuramente il Canone Rai. Ovvero l’oneroso pagamento annuale per finanziare l’attività della televisione pubblica. Da anni in tantissimi sperano che il Governo tagli definitivamente questa tassa.

Forse la svolta potrebbe giungere nel 2023, grazie alle conseguenze del Decreto Concorrenza. Una delle proposte è infatti la cancellazione del Canone Rai all’interno delle bollette dell’energia, come invece è avvenuto negli ultimi anni.

Niente più canone Rai all’interno delle bollette: tutte le novità previste

In pratica è stata l’Unione Europea a richiedere questo cambiamento all’Italia. L’adesione del nostro paese al programma del PNRR europeo condiviso costringerà lo Stato ad emettere maggior trasparenza riguardo alle tassazioni destinate ai cittadini.

Dal 2023 dunque il Canone Rai non potrà più comparire come tassa aggiunta all’interno di bollette per luce e gas. L’idea era stata lanciata ed approvata dal Governo Renzi, per cercare di combattere l’evasione fiscale del canone.

Ma chi spera che con questa abolizione venga di fatto cancellato anche il canone televisivo si sbaglia di grosso. La proposta di eliminare del tutto il pagamento destinato alla Rai è per ora soltanto un’enorme utopia e se ne riparlerà in futuro.

Per il momento stop soltanto all’inserimento a rate del Canone Rai nelle bollette che ogni proprietario di casa dovrà versare bimestralmente per l’energia. Il Governo sta nel frattempo studiando un modo per elargire i ricavi di tale canone in un’altra maniera, evitando però le numerose evasioni del passato.

Ma c’è qualcuno che può non pagare il Canone Rai? Certo, ma va fatta precisa richiesta con modulo apposito scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrata. Tale esenzione riguarda però solo chi effettivamente non possiede apparecchi televisivi in casa e chi è considerato ufficialmente invalido, con tanto di certificato sanitario.