Salman Rushdie rischia di perdere un occhio: arrestato l’aggressore dello scrittore

Non è ancora chiaro il motivo dell'attacco contro lo scrittore indiano naturalizzato britannico. Sul movente dell'aggressione indaga l'Fbi.

Soccorsi allo scrittore Salman Rushdie - Foto di Ansa Foto
Soccorsi allo scrittore Salman Rushdie – Foto di Ansa Foto

Lo scrittore Salman Rushdie rischia di perdere un occhio dopo essere stato accoltellato ieri, venerdì 12 agosto, al festival letterario a New York.

L’autore de I versetti satanici è stato sottoposto a un lungo intervento chirurgico dopo il trasporto in elicottero in ospedale. Adesso è attaccato a un respiratore con gravi danni al braccio e al fegato.

Chi è Hadi Matar, l’aggressore di Rushdie

Per l’aggressione è stato arrestato Hadi Matar, un ventiquattrenne americano fondamentalista che è salito sul palco alzandosi dalla platea. Con una mascherina nera, si è avventato sullo scrittore e l’ha colpito “al collo e almeno una volta all’addome”, come riferisce la polizia. Pare che abbia agito da solo e che non avrebbe mai rivolto minacce allo scrittore fino all’aggressione di ieri. Colpito anche il moderatore della conferenza Ralph Henry Reese, che è stato dimesso dall’ospedale qualche ora dopo.

Non è ancora chiaro il motivo dell’attacco contro lo scrittore indiano naturalizzato britannico. Sul movente dell’aggressione indaga l’Fbi. Si cercherà di capire se Hadi Matar abbia accoltellato Salman Rushdie a causa della fatwa, una taglia, che pende sull’artista dal 1989, l’anno dopo la pubblicazione de I versetti satanici. Lo scrittore è nel mirino dei fondamentalisti e dell’ayatollah Khomeini, che offrì una ricompensa di tre milioni di dollari a chi lo avesse ucciso. La guida suprema Ali Khamenei ha rinnovato la fatwa nel 2017 e nel 2019 via Twitter.

Le condizioni dello scrittore

Salman Rushdie - Foto di Ansa Foto
Salman Rushdie – Foto di Ansa Foto

Le notizie non sono buone”. A differenza delle notizie confuse diffuse nei primi attimi concitati immediatamente successivi all’aggressione, secondo le quali Salman Rushdie si sarebbe alzato dopo l’attacco, il New York Times scrive che le condizioni di salute dell’artista sono complicate. “Salman è attaccato a un respiratore, in questo momento non è in grado di parlare”. È quello che spiega l’agente dello scrittore al quotidiano americano. “Probabilmente perderà un occhio, i nervi del suo braccio sono stati recisi e il suo fegato è stato ferito e danneggiato”. 

L’attacco è avvenuto alle 10.45 ora locale (16.45 in Italia), poco dopo che Salman Rushdie era salito sul palco del Chautauqua Institution, a un centinaio di chilometri da Buffalo, per tenere una conferenza. “Tutto si è svolto in una manciata di secondi”, ha raccontato un testimone seduto tra il pubblico. “Era coperto di sangue intorno ai suoi occhi e il sangue gli colava giù per la guancia”. Lo scrittore è stato soccorso subito da un medico presente in sala, poi è stato trasportato in elicottero in ospedale.