Piero Angela è morto, l’annuncio del figlio Alberto: “Buon viaggio, papà”

Piero Angela è stato un divulgatore scientifico, conduttore, saggista, scrittore, saggista. Le sue trasmissioni in stile anglosassone hanno rivoluzionato il modo di raccontato la scienza, la storia e hanno rafforzato il genere documentaristico.

Piero Angela - Foto di Ansa Foto
Piero Angela – Foto di Ansa Foto

Piero Angela è morto. L’annuncio arriva su Facebook da suo figlio Alberto: “Buon viaggio papà”. 

Il giornalista Rai, noto per il suo servizio di alta qualità, aveva novantatre anni, ma ha lavorato fino alla fine. “Il mio corpo è come una macchina: il motore avrà anche 80mila chilometri, ma il guidatore ha solo 45 anni”, diceva della sua età.

Piero Angela è stato un divulgatore scientifico, conduttore, saggista, scrittore, saggista. Le sue trasmissioni in stile anglosassone hanno rivoluzionato il modo di raccontato la scienza, la storia e hanno rafforzato il genere documentaristico. Suo figlio Alberto ha seguito le orme del padre degnamente.

La vita di Piero Angela

Il giornalista era nato a Torino nel 1928. Aveva intrapreso la professione in Rai come cronista radiofonico, diventando poi inviato e conduttore del tg. Tra i suoi programmi più importanti, Quark e Superquark. Piero Angela ha scritto anche diversi libri, sempre di carattere divulgativo: Nel cosmo alla ricerca della vita (1990), La macchina per pensare (1983); Oceani (1991), La sfida del secolo (2006); Perché dobbiamo fare più figli (con L. Pinna, 2008), A cosa serve la politica (2011); Dietro le quinte della Storia. La vita quotidiana attraverso il tempo (con A. Barbero, 2012); Viaggio dentro la mente: conoscere il cervello per tenerlo in forma (2014); Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell’universo (2015); Gli occhi della Gioconda (2016). Nel 2017 ha pubblicato il libro autobiografico Il mio lungo viaggio.

Piero Angela, nel 2014 è stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

Il ricordo del ministro della Cultura Dario Franceschini

Un grande divulgatore, un uomo di scienza e di cultura che, sfruttando le possibilità del servizio pubblico televisivo, ha permesso a intere generazioni di italiani di avvicinarsi alla scienza e comprenderne i segreti. Un grande italiano, un uomo elefante e rigoroso, capace di trasmettere il piacere della scoperta e della conoscenza. Mi stringo al dolore del figlio Alberto e di tutta la sua famiglia in questa triste giornata”. Così Dario Franceschini, ministro della Cultura, ricordando Piero Angela.