Meteo: ancora temporali nel weekend, a Ferragosto tornano caldo e afa

Secondo Coldiretti è salito il numero degli eventi estremi in tutta Italia. Dall'inizio dell'estate si sono verificati 1.140 tra nubifragi, tornado, tempeste di vento, grandinate e ondate di calore, di "impatto devastante con danni all'agricoltura che superano i 6 miliardi di euro, pari al 10% della produzione nazionale". 

Maltempo - Foto di Ansa Foto
Maltempo – Foto di Ansa Foto

Ancora tre giorni di tregua, poi tornerà il caldo torrido delle scorse settimane. Il Sud Italia sarà ancora colpito da piogge e temporali, poi i nuvoloni si sposteranno lentamente nei territori del Nord, a partire da martedì prossimo.

Allerta gialla per cinque Regioni del Sud

La pausa dal caldo durerà quindi fino a questo weekend, poi a Ferragosto torneranno il sole e le temperature alte. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso l’allerta gialla con un avviso di condizioni metereologiche avverse per queste ore: Campania, Sicilia, Calabria, Basilicata e Sardegna.

Regione Campania invoca la dichiarazione dello stato di emergenza

Nei giorni scorsi il maltempo ha fatto cadere alberi, divelto transenne, allagato strade e sottopassi. A Caserta si è verificata una voragine nel centro cittadino, mentre alcune zone della penisola sorrentina sono state bloccate a causa dell’asfalto che è ceduto in diversi punti. Il nubifragio si è abbattuto anche nell’Avellinese, a Monteforte Irpino, dove ha provocato diversi allagamenti. Un fiume di fango e detriti ha trascinato le auto dal centro storico e alcune famiglie sono state evacuate dai vigili del fuoco. La Regione Campania ha invocato la dichiarazione dello stato di emergenza.

Regione Lombardia chiede lo stato di calamità naturale

La Regione Lombardia invece, ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni al comparto agricolo in Valcamonica e in Oltrepò Pavese, nel Bresciano.

L’arrivo delle piogge non sembra però fermare la siccità. Nel delta del Po, si sono verificati i primi casi di uccelli acquatici avvelenati dal botulino in valle Mandriole, nel Ravennate. Questo batterio può proliferare a causa del prosciugamento degli invadi.

Sulle Alpi emergono segni del passato

La siccità persiste anche sulle Alpi, dove continuano ad emergere tracce del passato. La fusione del ghiacciaio del Ventina e Cervinia, a oltre 3mila metri di quota, ha riportato alla luce un proiettile di artiglieria della seconda guerra mondiale, richiedendo l’intervento degli artificieri dell’esercito.

L’allarme di Coldiretti: calo produttivo anche delle uve

Secondo Coldiretti è salito il numero degli eventi estremi in tutta Italia. Dall’inizio dell’estate si sono verificati 1.140 tra nubifragi, tornado, tempeste di vento, grandinate e ondate di calore, di “impatto devastante con danni all’agricoltura che superano i 6 miliardi di euro, pari al 10% della produzione nazionale”. 

Si registra un calo produttivo del 45% per mais e foraggi, che servono per l’alimentazione animale, del 20% per il latte nelle stalle, del 30% per il frumento duro per la pasta di oltre un quinto della produzione di frumento tenero, del 30 % del riso, del 15% per la frutta, del 20% per cozze e vongole uccise dalla mancanza di ricambio idrico nel Delta del Po. Preoccupa anche la vendemmia appena iniziata in Italia, con una prospettiva di calo, spiega Coldiretti, del 10% delle uve. Allarme anche negli uliveti con il caldo che rischia di far crollare le rese produttive.