Elezioni, Ruggieri (FI) a iNews24: “In bocca al lupo a Cottarelli, ma torna sul luogo del delitto”

Sull'ipotesi del terzo polo di Mario Draghi di nuovo presidente del Consiglio: "Parlare di agenda Draghi, o di Draghi senza averlo in persona, è una cosa inutile, velleitaria e che credo non faccia piacere nemmeno al premier".

Andrea Ruggieri - Foto di Ansa Foto
Andrea Ruggieri – Foto di Ansa Foto

Faccio a tutti un in bocca al lupo, ma Cottarelli torna sul luogo del delitto. Il centrosinistra ha licenziato, dopo averla letta, la sua analisi sul taglio della spesa pubblica, che rimase per sempre nel cassetto e che invece porteremo avanti noi di Forza Italia”. Ai microfoni di iNews24, il deputato di Forza Italia Andrea Ruggieri.

Oggi Silvio Berlusconi ha ufficializzato la sua candidatura al Senato…
Ottima notizia, perché Silvio Berlusconi venne vergognosamente e illegittimamente espulso dal Senato ed è bene sanare quella ferita”;

Berlusconi ha affermato che quando la campagna elettorale entrerà nel vivo, proverà a prendere i voti dei moderati. Che ruolo avrà Forza Italia nella coalizione di centrodestra?
Non avremo solo i voti dei moderati, che probabilmente in Italia non esistono. Avremo i voti delle persone concrete e ragionevoli, che vogliono più libertà economica, più libertà fiscale, più garanzie sulla giustizia che sbaglia spesso e arresta ingiustamente persone che poi vengono assolte. Avremo i voti di persone che vogliono meno burocrazia per avviare attività economiche e creare ricchezza, meno sussidi e più opportunità di carriera con stipendi migliori. Giovani che cercano un lavoro, adulti che lo hanno perso e vogliono riaverlo, imprese che vogliono crescere per assumere e creare posti di lavoro”;

Oggi il centrosinistra ha annunciato alcune importanti candidature: Carlo Cottarelli, Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, e l’attivista sindacale Aboubakar Soumahoro.
Faccio a tutti un in bocca al lupo, ma Cottarelli torna sul luogo del delitto. Il centrosinistra ha licenziato, dopo averla letta, la sua analisi sul taglio della spesa pubblica, che rimase per sempre nel cassetto e che invece porteremo avanti noi di Forza Italia. Lo Stato costa troppo. Deve costare meno e fare le cose meglio. Faremo un taglio della spesa pubblica per restringere il ruolo di uno Stato “pasticcione” e permettere di far recuperare agli italiani un po’ più libertà dalle tasse. Quanto a Ilaria Cucchi, non so quanta esperienza politica abbia, ma faccio un in bocca al lupo anche a lei, perché protagonista attivissima di una vicenda che umanamente mi ha molto colpito e ferito”;

Dal cantiere del terzo polo, più volte è venuto fuori il nome di Draghi come premier. Crede che durante la campagna elettorale verrà ancora fatto il nome dell’attuale presidente del Consiglio? E Draghi resterebbe a Palazzo Chigi?
Parlare di agenda Draghi, o di Draghi senza averlo in persona, è una cosa inutile, velleitaria e che credo non faccia piacere nemmeno al premier. E comunque noi di Forza Italia gli diciamo grazie per quello che ha fatto, anche grazie all’apporto decisivo del nostro partito”.