Cinema, pubblico in ansia per l’amato regista: “Ha il morbo di Parkinson”

Una brutta notizia per gli appassionati di cinema, in particolare per gli amanti dei film di questo importante regista ed autore di alto rango

Arriva una notizia decisamente negativa per quanto riguarda il mondo del cinema internazionale. E di conseguenza per gli appassionati della settima arte. Un noto ed apprezzato regista europeo ha da poco avuto una brutta diagnosi.

ciak
Il ciak del regista (Pixabay)

Stiamo parlando dell’autore danese Lars von Trier. Vale a dire uno dei registi internazionali più discussi ma allo stesso tempo più amati da pubblico e critica. Un personaggio sopra le righe che ha fatto dell’immaginazione e della severità di pensiero un vero e proprio linguaggio cinematografico.

Lars von Trier purtroppo non sta bene. Come riferito dalla sua compagnia di produzione, la Zentropa, il regista è risultato soffrire del Morbo di Parkinson. Vale a dire la conosciuta malattia neurodegenerativa che lentamente porta danni a livello articolare e non solo.

Lars von Trier ed il Morbo di Parkinson: come sta il regista di Melancholia e Nymphomaniac

Questo il comunicato della casa di produzione riguardo alle condizioni di salute di Lars von Trier, a pochi giorni dalla diagnosi: È di buon umore e viene curato per i suoi sintomi, e il lavoro per completare The Kingdom continua come previsto. La decisione di rivelare la notizia è volta a contrastare qualsiasi speculazione sulla sua salute in vista della première di Exodus”.

von trier
Lars von Trier (Ansa foto)

Von Trier sarà infatti al Festival del cinema di Venezia, che partirà il 31 agosto prossimo, per presentare il suo ultimo lavoro. Exodus sarà il capitolo conclusivo della trilogia The Kingdon, realizzata in diverse epoche dal regista scandinavo. Grande attesa per il danese, che ha già deliziato il pubblico con opere come Melancholia, Dancer in the dark, Nymphomaniac e molti altri film.

Purtroppo Lars von Trier torna a far parlare di sé per vicende non inerenti al suo cinema o ai suoi lavori registici. Già in passato aveva fatto discutere per aver affermato di provare empatia e comprensione per Adolf Hitler, scatenando l’ira in particolare del mondo ebraico.

Inoltre Lars von Trier è personaggio atipico, pieno di ansie e manie che il mondo dello spettacolo già ben conosce. Per esempio non prende mai l’aereo, preferisce viaggiare in auto o prendere treni di una sola compagnia. Inoltre per andare ai festival in Europa predilige il camper.