Grano ucraino: partita da Odessa la prima nave con 26mila tonnellate di mais

Intanto, durante uno dei più violenti bombardamenti russi sulla città di Mykolaiv, è morto Oleksiy Vadaturskyi, proprietario di una delle principali aziende agricole del Paese. Kiev ritiene che la sua uccisione da parte di Mosca non sia stata casuale.

Guerra in Ucraina - Foto di Ansa Foto
Guerra in Ucraina – Foto di Ansa Foto

È partita dal porto ucraino di Odessa la prima nave carica di grano. Per oggi sarà l’unica, non sono previste altre partenze. Diventa così operativo l’accordo internazionale che Russia e Ucraina hanno firmato a fine luglio a Istanbul, con Erdogan e l’Onu.

Lo ha annunciato il ministero della Difesa turco: “La nave Razoni è partita dal porto di Odessa diretta al porto di Tripoli, in Libano. È attesa per il 2 agosto a Istanbul. Proseguirà il suo viaggio verso la destinazione dopo le ispezioni che saranno effettuate a Istanbul”. Dopo le ispezioni partiranno per la Somalia e il viaggio potrebbe durare fino a un mese e mezzo.

La nave contiene 26mila tonnellate di mais: “L’Ucraina, insieme ai nostri partner, ha gatto un altro passo oggi nella prevenzione della fame nel mondo”, ha affermato il ministro delle infrastrutture dell’Ucraina, sottolineando che Kiev ha fatto di tutto per ripristinare i porti e che la revoca del blocco darebbe all’economia ucraina 1 miliardo di dollari di entrate in valuta estera, lo riporta il Guardian.

Ankara disponibile per sbloccare anche il grano russo

La Turchia “sarebbe felice” di dare il proprio contributo per sbloccare anche il grano in attesa di uscire dai porti russi. Lo ha fatto sapere il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, durante un’intervista con Anadolu.

Ucciso in un bombardamento il magnate ucraino del grano

Intanto, durante uno dei più violenti bombardamenti russi sulla città di Mykolaiv, è morto Oleksiy Vadaturskyi, proprietario di una delle principali aziende agricole del Paese. L’uomo era l’azionista di controllo e amministratore delegato del conglomerato Nibulon LLC. Oltre a lui, è stata uccisa la moglie, dopo che uno dei missili ha colpito la sua villa.

Kiev accusa: “La sua morte non è casuale”

Nibulon gestisce il porto di esportazione di cereali e semi oleosi di Mykolaiv, oltre che strutture di stoccaggio del grano in tutta l’Ucraina, con una capacità di 2,25 milioni di tonnellate. Vadaturskyi aveva 74 anni, nel 2007 ha ricevuto la più alta onorificenza del Paese, i titolo di Eroe dell’Ucraina, per il contributo al suo sviluppo. Secondo Kiev la sua morte non sarebbe casuale, ma pianificata.

Gazprom annuncia la sospensione delle forniture di gas a Lettonia

Sul fronte del gas intanto, Gazprom accusa gli europei di non rispettare i propri obblighi contrattuali. “I nostri partner europei accusano Gazprom per la riduzione delle forniture di gas, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Sono loro a non onorare gli obblighi contrattuali per la manutenzione delle stazioni di compressioni”, ha affermato Vitaly Markelov, vice ceo dell’azienda statale, parlando a Rassiya-24 TV. Lo riferisce l’agenzia di stampa russa Tass: “Esorto i partner a risolvere i loro problemi al più presto, e la situazione delle forniture di gas al mercato europeo si normalizzerà immediatamente”, ha aggiunto. Dopo aver ridotto le forniture in tutta l’Europa, Gazprom ha annunciato la sospensione delle forniture di gas alla Lettonia.