Rivolta contro Netflix: l’ultimo aumento fa infuriare gli abbonati

Moltissimi utenti sono rimasti a bocca aperta per l’ultima novità messa in atto da Netflix riguardante i costi delle visioni e degli abbonamenti

In arrivo grosse novità per quanto riguarda il colosso Netflix, il leader mondiale delle piattaforme streaming e della fruizione ‘easy’ di contenuti e di show di ogni genere.

netflix
L’ultima novità in casa Netflix (Pixabay)

Non tutte queste novità però appaiono positive, né verranno accolte con grande entusiasmo dal pubblico. Netflix sta cercando delle strategie nuove di zecca per cercare di frenare il calo degli abbonamenti e lo strano fuggi fuggi dei clienti più affezionati.

La società statunitense che fornisce servizio in streaming starebbe valutando, per ora solo in alcuni paesi in particolare, di aumentare i prezzi in un caso. Qualora l’abbonamento sottoscritto venisse utilizzato anche fuori dalle proprie mura domestiche.

Il sovrapprezzo di Netflix per chi non si collega da casa: come funzionerà

Netflix come detto ha già lanciato questa novità certamente poco apprezzata dagli utenti e dai fruitori dei suoi servizi on-line. In pratica l’azienda ha deciso di far pagare un sovrapprezzo se ci si collega ad un account da una rete non domestica.

Facciamo un esempio per chiarire: chi si abbona a Netflix da casa dovrà far riconoscere all’applicazione il proprio indirizzo IP, l’ID del dispositivo utilizzato e all’attività dell’account stesso. In questo modo Netflix traccerà i movimenti dell’abbonamento e saprà se sarà utilizzato da altri dispositivi su altre reti internet.

Dunque non si potrà più vedere Netflix dove si vuole? In realtà sì, ma per farlo appunto bisognerà pagare un extra, ovvero 2,99 dollari al mese. Un aumento che già è stato registrato in paesi come Honduras, Argentina, Repubblica Dominicana, El Salvador e Guatemala. Una sorta di test che porterà poi ad una decisione definitiva.

Tale misura è stata presa da Netflix per due motivi: evitare il calo degli abbonamenti, visto che in troppi utenti riescono attualmente a visionare i contenuti con un singolo account, ma anche per limitare le perdite economiche degli ultimi mesi.

Effettivamente l’eccessiva condivisione della stessa password e del medesimo account è da limitare. Ma l’uso dell’indirizzo IP rischia di far diventare l’applicazione troppo confusionaria, perdendo uno dei grandi vantaggi che ha portato al successo della tv in streaming: la possibilità di guardarla dappertutto senza problemi.